LA GUERRA CIVILE SIRIANA

IL DELICATO CONTESTO GENERALE INIZIALE 

Dopo aver dedicato 4 post (Siria 1Siria 2Siria 3, Siria 4) alla conoscenza del percorso storico della Repubblica Araba Siriana, passiamo all’approfondimento delle dinamiche inerenti l’attuale guerra civile siriana, ponendo particolare attenzione suoi moventi dei vari attori politici coinvolti.

La Siria nel periodo antecedente l’esplosione della crisi interna, si ritrovava sotto la presidenza di Bashar al-Assad, esponente designato dall’establishment baathista. Il secondo mandato di Assad si sviluppava in senso riformista, agevolando un progressivo, ma ambizioso, programma di liberalizzazione economica e politica del paese. Tuttavia riformare un paese formalmente ancora in guerra con un paese vicino, che tra l’altro continuava ad occupare illegalmente parte del proprio territorio, risultava un operazione quanto meno ambiziosa, se non proprio pericolosa, alla luce della costante minaccia islamista interna, pronta ad approfittare dell’inevitabile periodo di assestamento istituzionale. L’establishment baathista infatti pur constatando la necessità di riformare il paese, continuava ad essere condizionato dal complicato contesto regionale, al punto da subordinare l’esigenza riformista alla stabilità politica interna.

In particolare il governo di Damasco stava tentando di instaurare un rapporto fiduciario con l’occidente, soprattutto con i paesi mediterranei dell’Unione Europea, pur conservando i tradizionali rapporti privilegiati con l’Iran e la Russia. Le aperture verso l’occidente ad ogni modo non influirono sul tradizionale sostegno offerto alla resistenza palestinese, garantendo asilo persino alla controversa leadership di Hamas, sebbene la gran parte della comunità internazionale continuasse a considerarla un organizzazione terroristica. Nello specifico il rapporto tra Hamas e Damasco, fu strutturato sostanzialmente in funzione anti-israeliana, e non si configurò come una reale alleanza, a causa della contiguità del movimento palestinese alla temuta Fratellanza Musulmana.

DALLA CRISI POLITICA ALLE INSIDIE ECONOMICHE E FINO ALLA MINACCIA ISLAMISTA 

Proprio l’Avversione alla Fratellanza Musulmana, indusse il governo di Assad, a marginalizzare il dialogo con le forze di opposizione protagoniste della Primavera di Damasco, considerate troppo compromesse con l’insidioso fronte islamista, protagonista della disastrosa rivolta di Hama. L’approccio restrittivo del governo baathista nei confronti dei Fratelli Musulmani, era giustificato dalla pervasività della loro retorica islamista all’interno della preponderante comunità sunnita, dove continuava a riscontrare un ampio consenso politico. L’ascesa dell’islam politico, era considerata dal establishment baathista, come una seria minaccia alla costituzione laica, con cui si era garantito per anni la coesistenza di confessioni religiose diverse tra loro, vigilando sull’approccio intollerante dell’islamismo sunnita, nei confronti delle minoranze Sciite, Alawite, Druse e Cristiane. La comunità sunnita da parte sua, anche se non interamente affine all’ideologie islamiste, continuava comunque ad associare il governo baathista, al dominio della minoranza Alawita, a cui appartenevano i due ultimi presidenti.

Il clima interno, malgrado l’indirizzo riformista inaugurato dal presidente Assad, soffriva un rallentamento dei ritmi di crescita economica, a cui si sommava il rincaro dei prodotti alimentari, dovuto alla carenza di risorse idriche. Infatti l’occupazione del Golan e la disputa relativa allo sfruttamento turco del fiume Eufrate, compromise seriamente il settore agricolo, costringendo molti siriani ad abbandonare i propri villaggi, trasferendosi nelle maggiori città del paese, già sovraffollate dagli imponenti flussi di rifugiati irakeni e palestinesi.

L’AVVENTO DELLA PRIMAVERA ARABA 

Nel 2011 un imprevedibile serie di proteste scuote la stabilità del mondo arabo, disarcionando repentinamente leadership politiche strutturatesi nel corso di decenni, dalla Tunisia di Ben Alì all’Egitto di Mubarak, passando per la Libia di Gheddafi. Ben presto il fermento rivoluzionario contagia anche la Siria, suscitando alcune timide proteste, a cui inizialmente il governo rispose con l’allentamento della censura sui social media, nel tentativo di rasserenare il clima politico interno. Questo approccio conciliante riuscì a garantire l’armonia interna all’interno del paese, fatta eccezione per la cittadina di Daraà, posta a ridosso dei confini con la Giordania Hashemita, tradizionalmente ostile al regime baathista siriano. Nello specifico i manifestanti di Daraà si distinsero per l’ostilità verso le forze dell’ordine, con cui entrarono più volte in contrasto, durante i tentativi di assalto alle sedi locali del Partito Baath.

Il rapido deterioramento del clima interno indusse il governo siriano ad operare alcune riforme immediate, limitando il periodo di leva militare e revisionando le politiche fiscali, mentre intanto il Presidente Assad accusa i media panarabi al-Jazera e al-Arabya di diffondere notizie enfatizzate, al fine di destabilizzare l’ordine interno, avvantaggiando gruppi di oppositori legati a doppio filo con le petro-monarchie del Golfo Persico.

LA REAZIONE GOVERNATIVA ALLE PROTESTE 

Parallelamente alle riforme, Bashar al-Assad nomina un nuovo governo, sostituendo il il Premier Muhammad al-Otari con il Ministro dell’Agricoltura Adel Safar, affidandogli l’implementazione di un programma riformista, aperto alle criticità sollevate dai manifestanti siriani. Tuttavia le timide aperture predisposte dal governo, non riuscirono a placare i manifestanti, le cui iniziative cominciarono a diffondersi un po’ in tutta la Siria, mantenendo comunque il proprio epicentro a Daraà, dove intanto la ribellione degenerava in una vera e propria rivolta, caratterizzata da feroci scontri con le forze di polizia, spiazzata dalla repentina deriva violenta delle manifestazioni. La polizia siriana, infatti fu costretta a a respingere gli assalti alle caserme degli insorti, ricorrendo più di una volta alle armi, nel tentativo di disperdere le iniziative dei primi nuclei rivoluzionari armati. L’inadeguatezza delle forze di polizia, dinnanzi a quella che era diventata un improvvisa insurrezione armata, indusse il governo ad intervenire mobilitando per la prima volta l’esercito. L’approccio pacifico delle iniziali proteste popolari, degenerò repentinamente a causa della presenza di alcuni noti fondamentalisti islamici sunniti, abili nel catalizzare la massiccia presenza di fedeli nei Venerdì di preghiera contro le forze di sicurezza, provocando numerosi incidenti che inevitabilmente contribuirono a deviare le proteste su di un binario violento

Parallelamente alle proteste anti-regime, nelle principali città del paese si registrarono anche importanti manifestazioni filo-baathiste, caratterizzate da un forte ostracismo verso la pericolosa deriva islamista dei rivoltosi, ostili all’apparato laico garantito dalla costituzione, essenziale per la coesistenza civile delle cospicue minoranze Sciite, Alawite, Druse e Cristiane. Questi timori si rivelarono fondati, in quanto ben presto il nucleo liberale dell’opposizione finì per essere fagocitato dalla pervasiva propaganda islamista, adottata dalla galassia di movimenti islamisti, riconducibili alla leadership dei Fratelli Musulmani, che al netto delle speculazioni mediatiche, si presentava come l’unica organizzazione politicamente rilevante attiva in Siria.

 

( Manifestazione Pro-Baathista )

A qualche mese dalle prime proteste, la rivolta era degenerata in una vera e propria guerra civile, dove i manifestanti avevano lasciato progressivamente il posto alle prime milizie ribelli, protagoniste dei primi assalti alle basi militari. Anche le città del nord del paese, cominciarono ad agganciarsi alla rivolta, coagulandosi attorno alla città di Hama, dove iniziava a prospettarsi una riedizione della fallita rivolta islamista del 1982. Queste premesse indussero il governo a mobilitare l’esercito a presidio delle maggiori città del paese, sopperendo all’inadeguatezza delle forze di polizia, nel contrastare la guerriglia ribelle. Ad ogni modo ben presto gli scontri tra l’esercito e le milizie ribelli, degenerarono in un aperta guerra civile, provocando inevitabilmente un grande numero di vittime, che catalizzarono l’attenzione della comunità internazionale, mentre intanto l’Arabia Saudita ed il Qatar patrocinavano la sospensione della Siria dalla Lega Araba.

LA DEFEZIONE DEGLI UFFICIALI SUNNITI E L’ORGANIZZAZIONE DELL’OPPOSIZIONE ALL’ESTERO 

Successivamente all’occupazione militare delle maggiori città siriane, cominciarono a verificarsi alcuni casi di insubordinazione tra i ranghi dell’esercito siriano, da cui fuoriuscirono molti militari di estrazione sunnita, riconducibili alla leadership di alcuni ufficiali dissidenti, come il colonnello Riad al-Asaad, fondatore dell’Esercito Siriano Libero (FSA),formazione militare contraddistinta dall’uso della vecchia bandiera della Repubblica Siriana, ed intenzionata alla deposizione del Presidente Bashar al-Assad. Gli ufficiali del FSA, subito dopo aver defezionato dai ranghi dell’esercito siriano, una volta costatata la loro disorganizzazione, decisero di riparare nella vicina Turchia, dove cominciarono a ricevere sostegno militare indiretto. La Turchia infatti cominciò a catalizzare le forze di opposizione siriane, favorendo l’Organizzazione del Consiglio Nazionale Siriano (CNS), composto da alcuni esuli siriani residenti all’estero, riconducibili alla leadership di Burhan Ghalyun, un academico esule in Francia.

Il presidente Assad, da parte sua, tenta di ricomporre la deriva confessionale della rivolta, nominando un nuovo governo guidato dal sunnita Ryad Hijab, inoltre predispose anche la liberazione di alcuni detenuti politici. Tuttavia questa manovra politica non riuscirà a risanare la contrapposizione politica interna, a causa dell’irriducibilità del fronte ribelle e dell’indisponibilità dell’establishment baathista a dialogare con organizzazioni contigue al terrorismo islamista. Un estremo tentativo di riconciliazione fu promosso dall’influente famiglia Tlass, successivamente costretta a lasciare il paese, riparando in Francia dove raggiungeranno la nutrita schiera di oppositori epurati dai ranghi del Partito Baath, come gli ex-presidenti Rifaat al-Assad ed Abdul Khaddam. Da lì a poco il Premier Hijab defezionerà in favore dei ribelli, costringendo Assad a sostituirlo con Wael Nader al-Halqi, un altro noto esponente sunnita.

LA RIFORMA COSTITUZIONALE DEL 2012 E LA DERIVA MILITARE DEL CONFLITTO POLITICO 

Qualche mese dopo il FSA riesce a strappare la città di Homs all’esercito siriano, rendendola la capitale della rivolta, il tutto mentre il Presidente Assad elaborava un progetto di riforma costituzionale, che limitava a due soli mandati l’accesso alla carica presidenziale, ponendo fine al sistema del partito unico egemonizzato dal Partito Baath. La riforma costituzionale venne approvata dal popolo siriano con l’89% dei consensi, registrando un affluenza di circa il 57% degli aventi diritto, dato che confermava la fiducia della maggioranza del popolo siriano nei confronti del governo baathista, tuttavia rimaneva l’incognita delle comunità soggette all’occupazione delle forze ribelli, a cui venne vietata la partecipare alla consultazione referendaria, parliamo delle città di Daraa’, Hama, Homs e Idlib.

Il successo del referendum, indusse il variegato fronte di opposizione a prendere le distanze dal CNS, considerato troppo filo-turco, preferendo coagularsi sotto la nuova insegna della “Coalizione Nazionale per la Rivoluzione e le Forze di Opposizione”, organizzazione contenitore di tutte le anime della rivolta siriana, diretta da influentissimi esponenti sunniti, come l’imam Moaz al-Khatib e l’imprenditore Riad Seif, supportati dal noto clan al-Atassi. La coalizione si riunì per la prima volta nel 2012 in Qatar, dove si ratificò la leadership di Khatib, trovando il sostegno di molti governi arabi ed occidentali.

Successivamente al rovesciamento di Gheddafi in Libia, per mano della coalizione a guida NATO, molte armi cominciarono ad essere dirottate verso la Siria, dove cominciarono ad affluire migliaia di combattenti stranieri, intenzionati a dar man forte alle milizie islamiste siriane, impegnate a contrastare quello che definivano un regime apostata. L’allargamento del fronte ribelle, sommato alle numerose defezioni dai ranghi militari, indebolirono notevolmente il potenziale dell’esercito siriano, costretto a ritirarsi da alcune importanti città, soprattutto dalle remote regioni nord-orientali abitate dalla cospicua minoranza kurda, a cui venne permesso di organizzare una milizia di protezione popolare, nota come YPG.

L’ASCESA DELLE MILIZIE DEL FRONTE ISLAMICO SUNNITA 

Nonostante la comune avversione verso il regime baathista retto da Bashar al-Assad, il fronte di opposizione era frammentato in una miriadi di organizzazioni autonome, riconducibili ad obiettivi politici diversi. Infatti il CNS e la Coalizione Siriana, rimanevano formazioni politiche sganciate da qualsiasi influenza reale in Siria, dove prevaleva la galassia delle milizie riconducibili all’insegna del Fronte Islamico Siriano, dove spiccavano le formazioni Ahrar al-Sham e di Jaysh al-Islam, entrambe in qualche modo compromesse con il terrorismo jihadista. Parallelamente a queste formazioni si registra anche l’ascesa di al-Nusra, un’altra organizzazione islamista guidata da Abu al-Jawlani, un qaidista recentemente rilasciato dalle forze americane di stanza in Iraq. Contemporaneamente alla nascità di al-Nusra, in Iraq, al-Qaida patrocina la formazione di un’altra organizzazione satellite, guidata da Iibrahim al-Badri, un altro ex-recluso irakeno, divenuto successivamente noto sotto lo pseudonimo di Abu Bakr al-Baghdadi, emulando il leader della rivolta islamica di Hama, ispiratosi al nome del primo Califfo successore di Maometto. L’organizzazione di al-Baghdadi, aveva l’obiettivo di restaurare l’antico Califfato Islamico, nei territori a cavallo tra Siria e Iraq, per poi espandersi in tutta la regione mediorientale. Il progetto di uno Stato islamico ha ispirato la denominazione del gruppo oggi noto come ISIS, acronimo di Stato Islamico d’Iraq e Siria.

L’Isis dopo aver strappato al governo di Baghdad l’ovest del paese, approfittò della crisi siriana per espandersi nell’est siriano, oramai sguarnito dalla presenza militare siriana, instaurando la propria base nella città di Raqqa, conquistata in collaborazione con al-Nusra, con cui tenterà di integrarsi, nonostante la ritrosia del nuovo leader di al-Qaida, Ayman al-Zawahiri. Ad ogni modo ben presto l’asse al-Nusra-Isis riuscì ad imporsi come la maggiore formazione ribelle attiva nella lotta al governo baathista di Damasco. Infatti il FSA nonostante il massiccio supporto occidentale, non riuscirà a competere con la preponderante galassia islamista, anzi in molti casi defezionerà proprio in loro favore, portando in dote modernissimi mezzi militari di fabbricazione americana, come nel caso dei missili Tow, con cui riusciranno a mettere in notevole difficoltà le forze corazzate dell’esercito siriano.

( Esempio di coesistenza tra i “moderati” del FSA e le milizie islamiste )

Il proliferare delle milizie ribelli si sviluppa parallelamente al progressivo deperimento delle difese governative, che nel 2013 sono quasi sul punto di collassare su tutti i fronti, prospettando una sempre più probabile débâcle. Questa precarietà militare, indusse gli alleati iraniani a mobilitarsi a sostegno del governo di Bashar Assad, inviando numerosi consiglieri militari e patrocinando il coinvolgimento delle milizie sciite libanesi di Hezbollah. L’Iran infatti considerava la Siria un elemento essenziale della propria politica estera, finalizzata alla creazione di un asse sciita che potesse svilupparsi da Teheran a Beirut passando per l’Iraq a maggioranza sciita. La deriva confessionale del conflitto indusse le minoranze Sciite, Alawite, Cristiane e Druse ad organizzarsi militarmente, formando la Forza Nazionale di Difesa (FND),con cui iniziarono a contrapporsi alle sempre più frequenti incursioni delle milizie islamiste sunnite.

La prepotente avanzata delle forze ribelli venne catalizzata dalla ferocia delle milizie islamiste, soprattutto quelle riconducibili al Fonte al-Nusra, rinforzato da numerosi miliziani provenienti dal FSA, oramai diventata una milizia inconsistente. Il potenziale di al-Nusra era secondo solo all’Isis, composta per lo più da miliziani stranieri, provenienti da tutto il mondo arabo, mossi dal desiderio di restaurare l’istituzione califfale.

L’INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL CONFLITTO 

Nel corso del 2013 nei sobborghi di Damasco si registra un controverso attacco chimico, le cui responsabilità vennero ricondotte al regime baathista, suscitando lo sdegno della comunità internazionale, in particolar modo gli USA prenderanno in considerazione l’ipotesi di intervenire militarmente per rimuovere il presidente siriano Assad. Tuttavia la responsabilità siriana, verrà contestata dalla Russia, convinta che l’attacco sia stato in realtà predisposto dai ribelli, nel tentativo di suscitare l’intervento dei propri sponsor occidentali. Ad ogni modo successivamente a questi eventi il governo siriano cederà alle pressioni internazionali, consentendo lo smantellamento del proprio arsenale chimico, mediato da Russia e USA, rinunciando al principale strumento di deterrenza con cui per anni aveva controbilanciato l’arsenale nucleare israeliano.

Nel 2014 il fronte ribelle si spacca, quando il Fronte al-Nusra inizia a prendere le distanze dai miliziani irakeni dell’Isis, strappandogli il controllo della città di Aleppo, in risposta al loro bando da Raqqa e Deir ez-Zor. Questa faida interna al fronte islamista, consente all’esercito siriano di riorganizzare un’efficace offensiva con cui riprenderà il controllo dei confini libanesi, tagliando un importante linea di rifornimento ai ribelli, costretti ad abbandonare la roccaforte di Homs. In questo stesso periodo vengono indette nuove elezioni presidenziali, le prime dopo la riforma costituzionale che apriva alla partecipazione di partiti alternativi al Baath. Le elezioni furono vinte ancora una volta da Bashar al-Assad, con l’88% dei consensi, registrando un affluenza del 73% degli aventi diritto, cifra che confermò ancora una volta la credibilità interna del regime. Le elezioni furono invece impedite nelle località sotto il controllo ribelli, i quali inoltre bersagliarono con alcuni colpi di mortaio alcuni seggi dislocati nelle località riconducibili al controllo governativo.

LA MINACCIA DEI JIHADISTI DELL’ISIS 

Sempre nell’estate del 2014, l’Isis proclama la creazione di un Califfati Islamico, sui territori a cavallo tra Iraq e Siria, sull’onda dei successi ottenuti a Mosul, dove riuscirà a mettere in fuga l’esercito irakeno, a cui riuscirà a sottrarre ingenti quantitativi di moderne armi di costruzione americana. Nel giro di qualche mese i jihadisti di al-Baghdadi risaliranno il corso del fiume Eufrate, consolidando la propria presenza nella città di Raqqa, ripulendo il circondario dalla residua presenza governativa, facendo strage del contingente militare, rimasto isolato nella base di Tabqa ed assediando il contingente governativo di stanza a Deir ez-Zor. Una volta installatosi nell’est siriano, i jihadisti dell’Isis, metteranno sotto assedio le cittadine kurde, perseguitando ferocemente gli oppositori locali.

La repentina ascesa dell’Isis, allarma la comunità internazionale, inducendo gli USA ad organizzare una coalizione di stati occidentali e arabi, intenzionati a contrastare l’avanzata jihadista in Iraq e in Siria. Così nel 2015, l’amministrazione americana riesce ad ottenere dal Consiglio di Sicurezza ONU un mandato (Risoluzione 2249), che autorizzava tutti i paesi disponibili a predisporre misure finanziarie e militari, finalizzate al contrasto del terrorismo jihadista. Nello specifico la risoluzione subordinava l’intervento internazionale al rispetto dell’indipendenza, dell’Integrità territoriale e della Sovranità della Repubblica Araba di Siria. Ad ogni modo successivamente all’intervento dell’ONU, la coalizione internazionale a guida americana iniziò a colpire i terroristi in Siria, concentrandosi sulle aree kurde assediate dall’Isis, consentendo alle milizie YPG di respingere progressivamente le milizie dell’Isis.

Le brutalità dell’Isis spinsero molti cittadini siriani ed irakeni a fuggire, rifugiandosi nella vicina Turchia, da dove tenteranno di raggiungere a più ripresa l’Europa. Gli imponenti flussi migratori metteranno a dura prova le capacità di accoglienza del governo turco, alle prese con le ambizioni autonomiste kurde, a cui si opporrà fermamente, minacciando di intervenire direttamente al fine di disarmare le milizie kurde del YPG, considerate emanazione dell’organizzazione terroristica PKK.

L’INTERVENTO MILITARE DELLA RUSSIA 

L’intervento della coalizione internazionale a guida americana, indusse la Russia ad intervenire direttamente in soccorso dell’alleato siriano, predisponendo l’allestimenti di una base militare sul terreno e concordando una serie di interventi aerei mirati a contenere la dilagante presenza islamista in Siria, dove si riscontrava la presenza di numerosi miliziani ceceni, distribuiti tra le varie formazioni ribelli locali. La Russia di Putin, inoltre intendeva puntellare lo strategico approdo logistico di Tartus, essenziale per l’approvvigionamento della flotta russa nel mediterraneo. Successivamente all’intervento russo, anche l’Iran incrementerà il proprio sostegno alle forze di Damasco, inviando alcuni reparti di Pasdaran. Il provvidenziale sostegno degli alleati, permetterà all’esercito siriano di riprendere l’avanzata, approfittando soprattutto della superiorità aerea garantita dall’aviazione militare russa, riuscendo a riconquistare ‘importante città di Aleppo, strappandola al controllo degli islamisti di al-Nusra e di Ahrar al-Sham.

( Alcuni Su-34 russi  volano in formazione )

L’efficace offensiva siriana induce il fronte ribelle ad approfittare delle numerose tregue promosse dai russi, da cui verranno comunque esclusi le formazioni islamiste più radicali. La tregua stabilizzò la realtà siriana, permettendo la progressiva riapertura del dialogo tra i ribelli ed il governo, agevolando l’intensificamento della lotta all’Isis, costretta a recedere dal governatorato di Aleppo, in conseguenza all’intervento diretto dell’esercito turco, finalizzato a bloccare il tentativo kurdo di riunificarsi al Cantone occidentale di Efrin, con cui contavano di creare un entità autonoma kurda a ridosso dei suoi confini. Il ripiegamento dell’Isis, ha permesso all’esercito siriano di riconquistare molti territori ad est di Aleppo, attestandosi a ridosso delle zone controllate dai kurdi del YPG, sostenuti dalla nutrita presenza di consiglieri militari americani. Recentemente l’esercito siriano sta tentando di riprendere il controllo della vasta regione desertica centrale, da cui conta di proiettarsi verso la città di Deir ez-Zor, dove il contingente militare siriano locale, resiste eroicamente da più di quattro anni all’assedio dei jihadisti dell’Isis, tra l’indifferenza dei media internazionali.

PER SAPERNE DI PIU:

CONOSCIAMO LA SIRIA 1

CONOSCIAMO LA SIRIA 2

CONOSCIAMO LA SIRIA 3

CONOSCIAMO LA SIRIA 4

I RAPPORTI TRA SIRIA E RUSSIA

I RAPPORTI TRA SIRIA E USA

L’EPILOGO DELLA GUERRA CIVILE SIRIANA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • LA POLITICA E' L'ARTE DEL POSSIBILE, LA SCIENZA DEL RELATIVO ---- ( BISMARCK )
  • PERCHE' IL MALE TRIONFI SERVE SOLO CHE I BUONI RINUNCINO ALL'AZIONE ----- ( EDMUND BURKE )
  • IL PRIMO BENE DI UN POPOLO E' LA SUA DIGNITA' ---- ( CAVOUR )
  • I POLITICI SONO UGUALI DAPPERTUTTO. PROMETTONO DI COSTRUIRE PONTI ANCHE DOVE NON CI SONO FIUMI ----- ( CHRUSCEV )
  • IN TEMPO DI GUERRA LA VERITA' E' COSI' PREZIOSA CHE DEVE SEMPRE ESSERE PROTETTA DA UNA CORTINA DI BUGIE ----- ( CHURCHILL )
  • LA GUERRA E' UNA COSA TROPPO SERIA PER LASCIARLA IN MANO AI MILITARI ----- ( GEORGE CLEMENCEAU )
  • CHI NON HA UNA COMPETENZA NON SI OCCUPI DI GOVERNO ----- ( CONFUCIO )
  • PIU' SONO LE LEGGI PIU' SONO I LADRI ---- ( FRANCESCO COSSIGA )
  • IL POTERE NON SI PRENDE, SI RACCATTA ---- ( CHARLES DE GAULLE )
  • OGNI POPOLO HA IL GOVERNO CHE SI MERITA ---- ( JOSEPH DE MAISTRE )
  • FATTA L'ITALIA, BISOGNA FARE GLI ITALIANI ---- ( MASSIMO D'AZEGLIO )
  • POLITICA VUOL DIRE REALIZZARE ---- ( ALCIDE DE GASPERI )
  • LA SEMPLICITA' E' COMPAGNA DELLA VERITA', COME LA MODESTIA DEL SAPERE ----- ( FRANCESCO DE SANCTIS )
  • UN POLITICO USA I DATI COME UN UBRIACO IL LAMPIONE, NON PER LA LUCE MA PER IL SOSTEGNO ----- ( BENJAMIN DISRAELI )
  • CONOSCERE PER DELIBERARE ----- ( LUIGI EINAUDI )
  • I SAGGI NON HANNO BISOGNO DI SUGGERIMENTI. GLI SCIOCCHI NON NE TENGONO CONTO ----- ( BENJAMIN FRANKLIN )
  • LA POLITICA NON E' L'ARTE DEL POSSIBILE. CONSISTE NELLO SCEGLIERE FRA IL DISASTROSO E LO SGRADEVOLE -- ( JOHN KENNETH GALBRAITHT )
  • LA VERITA' NON DANNEGGIA MAI UNA CAUSA GIUSTA ---- ( GANDHI )
  • LE LEGGI SI APPLICANO AI NEMICI E SI INTERPRETANO AGLI AMICI ---- ( GIOLITTI )
  • LA STORIA INSEGNA MA NON HA SCOLARI ----- ( GRAMSCI )
  • CHI LOTTA PUO' PERDERE MA CHI NON LOTTA HA GIA' PERSO ----- ( CHE GUEVARA )
  • SENZA SPADA I PATTI NON SONO CHE PAROLE ---- ( THOMAS HOBBES )
  • QUANDO IL POPOLO HA PAURA DEL GOVERNO, C'E' TIRANNIA. QUANDO IL GOVERNO HA PAURA DEL POPOLO, C'E' LIBERTA' ---- ( THOMAS JEFFERSON )
  • NON CHIEDETE COSA IL VOSTRO PAESE PUO' FARE PER VOI, CHIEDETE COSA VOI POTETE FARE PER IL VOSTRO PAESE ---- ( JOHN KENNEDY )
  • NON SI FANNO GUERRE PER IL BENEFICIO DELL'UMANITA', MA PER INTERESSE NAZIONALE ---- ( HENRY KISSINGER )
  • PER FARE UNA FRITTATA BISOGNA ROMPERE LE UOVA ---- ( LENIN )
  • LA DEMOCRAZIA E' IL GOVERNO DEL POPOLO, DAL POPOLO, PER IL POPOLO ---- ( ABRAHAM LINCOLN )
  • SI DICE CHE LA VERITA' E' DESTINATA A SOFFRIRE, MA NON SI ESTINGUE MAI ----- ( TITO LIVIO )
  • TUTTE LE RIVOLUZIONI INIZIANO PER STRADA E FINISCONO A TAVOLA ---- ( LEO LONGANESI )
  • IL FINE GIUSTIFICA I MEZZI ----- ( NICCOLO' MACHIAVELLI )
  • UNA CONOSCENZA DIFFUSA SI RENDE IMMORTALE DA SOLA ----- ( JAMES MACKINTOSH )
  • LA POLITICA E' GUERRA SENZA SPARGIMENTO DI SANGUE. LA GUERRA E' POLITICA CON SPARGIMENTO DI SANGUE ---- ( MAO TSE TUNG )
  • NON HO PAURA DELLA CATTIVERIA DEI MALVAGI, MA DEL SILENZIO DEGLI ONESTI ----- ( MARTIN LUTHER KING )
  • I POPOLI IMPARANO PIU' DA UNA SCONFITTA CHE NON I RE DAL TRIONFO ---- ( GIUSEPPE MAZZINI )
  • IL SUFFRAGIO A SORTE E' PROPRIO DELLA DEMOCRAZIA; IL SUFFRAGIO A SCELTA LO E' DI QUELLA DELL'ARISTOCRAZIA ----- ( MONTESQUIEU )
  • L'INAZIONE E' UNO DEI METODI D'AZIONE PIU' PERICOLOSI ---- ( CESARE MORI )
  • PER GLI STOMACI VUOTI NON ESISTONO NE' OBBEDIENZA NE' TIMORE ----- ( NAPOLEONE )
  • UN PURO TROVA SEMPRE QUALCUNO PIU' PURO CHE LO EPURA ----- ( PIETRO NENNI )
  • PER ANNI I POLITICI HANNO PROMESSO LA LUNA, IO SONO IL PRIMO IN GRADO DI DARVELA ---- ( NIXON )
  • I GOVERNI HANNO CONCETTI DELL'ONESTA DIVERSI DA QUELLI CHE VALGONO PER I PRIVATI ---- ( VILFREDO PARETO )
  • UN'ALTRA VITTORIA SIMILE E SAREMO SPACCIATI ----- ( PIRRO )
  • I POLITICANTI SONO I CAMERIERI DEI BANCHIERI ----- ( EZRA POUND )
  • COMUNISTA E' QUALCUNO CHE LEGGE MARX E LENIN. ANTICOMUNISTA E' QUALCUNO CHE LI CAPISCE ---- ( RONALD REAGAN )
  • FAI QUELLO CHE PUOI, CON QUELLO CHE HAI, NEL POSTO IN CUI SEI ---- ( FRANKLIN ROOSVELT )
  • LA SICUREZZA DEL POTERE SI FONDA SULL'INSICUREZZA DEI CITTADINI ----- ( LEONARDO SCIASCIA )
  • L'ARTE DELLA GUERRA CONSISTE NEL SCONFIGGERE IL NEMICO SENZA DOVERLO AFFRONTARE ---- ( SUN TZU )
  • TUTTE LE GUERRE SONO COMBATTUTE PER DENARO ----- ( SOCRATE )
  • IN UNA REPUBBLICA MOLTO CORROTTA, MOLTISSIME SONO LE LEGGI ----- ( TACITO )
  • LA DEMOCRAZIA E' IL POTERE DI UN POPOLO INFORMATO ----- ( ALEXIS DE TOCQUEVILLE )
  • LA NAZIONE E' FATTA META' DI TRADITORI E META' DI PATRIOTI, MA NESSUNO SA DISTINGUERE GLI UNI DAGLI ALTRI ---- ( MARK TWAIN )
  • LA GIUSTIZIA E' COME LA TELA DI UN RAGNO, TRATTIENE GLI INSETTI PIU' PICCOLI, MENTRE I GRANDI TRAFIGGONO LA TELA E RESTANO LIBERI -- ( SOLONE )
  • LA GUERRA E' LA PROSECUZIONE DELLA POLITICA CON ALTRI MEZZI ----- ( CARL VON CLAUSEWITZ )
  • LA POLITICA, NELLA PRATICA, QUALI CHE SIANO LE IDEE CHE PROFESSA, E' SEMPRE L'ORGANIZZAZIONE SISTEMATICA DELL'ODIO ----- ( HENRY ADAMS )
  • IL POTERE LOGORA CHI NON C'E' L'HA ----- ( GIULIO ANDREOTTI )
  • PENSATE DA UOMINI SAGGI, MA PARLATE COME GENTE COMUNE ----- ( ARISTOTELE )
  • LA MAGISTRATURA COLPISCE PUNTUALE, AD OROLOGERIA, VICINO ALLE ELEZIONI ---- ( SILVIO BERLUSCONI )
  • SMACCHIEREMO IL GIAGUARO ----- ( PIER LUIGI BERSANI )
  • UN VERO STATISTA, QUANDO MANCA IL NEMICO, SE LO DEVE INVENTARE ---- ( BISMARCK )
  • PIANTA ALBERI CHE GIOVERANNO IN UN ALTRO TEMPO ----- ( CATONE )
  • LA GRANDE POLITICA E' QUELLA DELLE RISOLUZIONI AUDACI ----- ( CAVOUR )
  • IL SUCCESSO E' L'ABILITA' DI PASSARE DA UN FALLIMENTO ALL'ALTRO SENZA PERDERE IL TUO ENTUSIASMO ----- ( CHURCHILL )
  • SAPERE CIO' CHE E' GIUSTO E NON FARLO E' LA PEGGIORE DELLE VIGLIACCHERIA ---- ( CONFUCIO )
  • DATO CHE UN POLITICO NON CREDE MAI IN CIO' CHE DICE, RESTA SORPRESO QUANDO GLI ALTRI CI CREDONO ----- ( CHARLES DE GAULLE)
  • IN OGNI GENERE ED IN OGNI CASO, IL GOVERNO DEBOLE E' IL PEGGIORE DI TUTTI ----- ( MASSIMO D'AZEGLIO )
  • LA VOLGARITA' OFFENDE CHI LA USA, NON CHI LA SUBISCE ----- ( VINCENZO DE LUCA )
  • SE UNA COSA DIFFICILE TI SEMBRA SEMPLICE, VUOL DIRE CHE NON HAI CAPITO NIENTE ----- ( CIRIACO DE MITA )
  • E' IL BEL PENSARE CHE CONDUCEAL BEN DIRE ----- ( FRANCESCO DE SANCTIS )
  • CHE CI AZZECCA?! ----- ( ANTONIO DI PIETRO )
  • LA FRANCHEZZA E' LA GEMMA PIU' SPLENDENTE DELLA CRITICA ----- (BENJAMIN DISRAELI )
  • DOVE SONO TROPPI A COMANDARE, NASCE LA CONFUSIONE ----- ( LUIGI EINAUDI )
  • NON SO' CON CHE ARMI SARA' COMBATTUTA LA TERZA GUERRA MONDIALE, MA LA QUARTA SARA' COMBATTUTA CON BASTONI E PIETRE -- ( EINSTEIN )
  • L'AGRICOLTURA SEMBRA MOLTO SEMPLICEQUANDO IL TUO ARATRO E' UNA MATITA E SEI LONTANO DA UN CAMPO DI GRANO --( DWIGHT EISENHOWER )
  • MOLTO SPESSO, COL CAMBIARE DEL GOVERNO, PER I POVERI CAMBIA SOLO IL NOME DEL PADRONE ---- ( FEDRO )
  • LE GUERRE NON SI PAGANO IN TEMPO DI GUERRA, IL CONTO VIENE DOPO ---- ( BENJAMIN FRANKLIN )
  • LA GUERRA RIMANE IL PIU' GRANDE FALLIMENTO UMANO ---- ( JOHN KENNETH GALBRIGHT )
  • LA FORZA NON DERIVA DALLA CAPACITA' FISICA, DERIVA DA UNA VOLONTA' INDOMITA ---- ( GHANDI )
  • QUANDO SI VA IN CUCINA, BISOGNA PUR CUCINARE CON GLI INGREDIENTI CHE SI TROVANO ---- ( GIOLITTI )
  • IL REALISMO E' IL TRATTO OBBLIGATORIO DI OGNI POLITICO ---- ( MICHAIL GORBACEV )
  • LA MASSONERIA E' STATO L'UNICO PARTITO REALE ED EFFICENTE CHE LA CLASSE BORGHESE HA AVUTO PER LUNGO TEMPO ---- ( GRAMSCI )
  • I MAFIOSI NON HANNO PAURA DEL CARCERE; I MAFIOSI HANNO PAURA CHE NOI GLI METTIAMO LE MANI NELLE LORO TASCHE ---- ( PIETRO GRASSO )
  • COMBATTERE UNA BATTAGLIA E' BELLO. CHE SI PERDA O CHE SI VINCA RIMANE IL GUSTO DI AVERCI PROVATO ---- ( BEPPE GRILLO )
  • LA RIVOLUZIONE NON E' UNA MELA CHE CADE QUANDO E' MATURA, DEVI FARLA CADERE ---- ( CHE GUEVARA )
  • L'INTERESSE E LA PAURA SONO I PRINCIPI DELLA SOCIETA' ---- ( THOMAS HOBBES )
  • LA PACE E LA TOLLERANZA SONO LE NOSTRE POLITICHE MIGLIORI, VORREI TANTO CHE CI FOSSE CONCESSO PERSEGUIRLE -- ( THOMAS JEFFERSON )
  • UN CRETINO E' UN CRETINO. DUE CRETINI SONO DUE CRETINI. DIECIMILA CRETINI SONO UN PARTITO POLITICO ---- ( KAFKA )
  • L'UMANITA' DEVE PORRE FINE ALLA GUERRA, O LA GUERRA PORRA' FINE ALL'UMANITA' ---- ( JOHN KENNEDY )
  • IL 90% DEI POLITICI ROVINA LA REPUTAZIONE DEL RESTANTE 10% ---- ( HENRY KISSINGER )
  • ECCO, NEL GIORNO DELLA VITTORIA DELL'INTER IO SONO IL MOURINHO DELLA DIFESA ---- ( IGNAZIO LA RUSSA )
  • LA LIBERTA' E' PREZIOSA, COSI' PREZIOSA CHE DOVREBBE ESSERE RAZIONATA ---- ( LENIN )
  • NON STO SCONFIGGENDO I MIE NEMICI RENDENDOLI MIEI AMICI ? ---- ( ABRAHAM LINCOLN )
  • NESSUNA LEALTA' E' DOVUTA AD UN TRADITORE ---- ( TITO LIVIO )
  • CHI ROMPE NON PAGA E SI SIEDE AL GOVERNO ---- ( LEO LONGANESI )
  • GOVERNARE E' FAR CREDERE ---- ( MACHIAVELLI )
  • BISOGNA ASPETTARSI DI TUTTO IN POLITICA, DOVE TUTTO E' PERMESSO, FUORCHE LASCIARSI COGLIERE DI SORPRESA ---- ( CHARLES MAURRAS )
  • LA NOSTRA GLORIA NON STA NEL NON CADERE MAI, MA NEL RISOLLEVARCI OGNI VOLTA CHE CADIAMO ---- ( NELSON MANDELA )
  • LA CRITICA VA FATTA A TEMPO; BISOGNA DISFARSI DEL BRUTTO VIZIO DI CRITICARE DOPO ---- ( MAO TSE TUNG )
  • E' SEMPRE IL MOMENTO GIUSTO PER FARE LA COSA GIUSTA ---- ( MARTIN LUTHER KING )
  • IL POTERE POLITICO E' IL POTERE DI UNA CLASSE, ORGANIZZATO PER OPPRIMERNE UN'ALTRA ---- ( KARL MARX )
  • SE SI VOTA ALMENO NON FINISCO IN GALERA ---- ( CLEMENTE MASTELLA )
  • LA COSCIENZA DELL'UMANITA' E' SUPREMA SU TUTTI I GOVERNI: ESSI DEVONO ESSERNE INTERPRETI, O NON SONO LEGITTIMI ---- ( GIUSEPPE MAZZINI )
  • CON LE ARMI NUCLEARI, NON CI SARA' TEMPO DI IMPARARE. UN SOLO ERRORE BASTA A DISTRUGGERE NAZIONI INTERE ---- ( ROBERT MCNAMARA )
  • UN IMPERO FONDATO DALLE ARMI DEVE REGGERSI CON LE ARMI ---- ( MONTESQUIEU )
  • QUAL'E' LA MANIFESTAZIONE PIU' CONCRETA DEL SUCCESSO DEL'EURO? LA GRECIA ---- ( MARIO MONTI )
  • NON SI DEVE TEMERE LA GUERRA, LA SI DEVE ODIARE ---- ( CESARE MORI )
  • PER FARE LE COSE, OCCORRE TUTTO IL TEMPO CHE OCCORRE ---- ( ALDO MORO )
  • IL FONDAMENTO ESSENZIALE DI UNA SOCIETA' SANA E' L'EQUA SPARTIZIONE DEI BENI ---- ( TOMMASO MORO )
  • LA LEGALITA' E IL DIRITTO SONO LE PIETRE FONDANTI DELLA PACE INTERNAZIONALE E DELLA STABILITA' ---- ( GIORGIO NAPOLITANO )
  • COLORO CHE VOGLIONO INGANNARE I POPOLI E GOVERNARLI AD ESCLUSIVO LORO VANTAGGIO HANNO INTERESSE A MANTENERLI NELL'IGNORANZA -- ( NAPOLEONE )
  • IN POLITICA CI SONO SEMPRE DUE CATEGORIE DI PERSONE: QUELLI CHE LA FANNO E QUELLI CHE NE APPROFITTANO ---- ( PIETRO NENNI )
  • CHIUNQUE PENSI CHE POSSA CANDIDARMI A QUALUNQUE COSA CHE INIZI IN QUALUNQUE ANNO E' FUORI DI MELONE --- ( NIXON )
  • FATE SOLDI, SE POTETE IN MANIERA ONESTA, ALTRIMENTI COMUNQUE ---- ( ORAZIO )
  • IL MODO PIU' RAPIDO PER PORRE FINE AD UNA GUERRA E' PERDERLA ---- ( GEORGE ORWELL )
  • SE ABBIAMO DEGLI ATTACCHI MAFIOSI NEGLI USA, NON ANDIAMO MICA A BOMBARDARE L'ITALIA?! ---- ( RON PAUL )
  • LA POLITICA, NELLA COMUNE ACCEZZIONE DEL TERMINE, NON E' ALTRO CHE CORRUZIONE ---- ( PLATONE )
  • LA POLITICA DOVREBBE ESSERE COME LA NAZIONALE: DOVREBBERO SEMPRE GIOCARE I MIGLIORI. MA NON E' MAI COSI' -- ( MICHEL PLATINI )
  • LA PACE VIENE DALLA COMUNICAZIONE ---- ( EZRA POUND )
  • NESSUN PIANO DI BATTAGLIA SOPRAVVIVE ALL'IMPATTO COL NEMICO ---- ( COLLIN POWELL )
  • CON L'EURO LAVOREREMO UN GIORNO DI MENO, GUADAGNANDO COME SE LAVORASSIMO UN GIORNO IN PIU' ---- ( ROMANO PRODI )
  • NOI PERSEGUITEREMO DAPPERTUTTO I TERRORISTI, E QUANDO LI TROVEREMO, LI BUTTEREMO DRITTI NELLA TAZZA DEL CESSO -- ( PUTIN )
  • SONO STATO VARIE VOLTE IN COREA DEL NORD, PRESIDENTE OBAMA, STIA TRANQUILLO, CHE NON C'E' NIENTE DI BOMBA ATOMICA - ( ANTONIO RAZZI )
  • CUBA E' LA PROSSIMA RAMAZZATA DELLA DEMOCRAZIA. E LASCIATEMI DIRE DIRETTAMENTE A FIDEL CASTRO: TU SEI FINITO! ---- ( RONALD REAGAN )
  • ENRICO STAI SERENO. VAI AVANTI. IO MI FIDO DI LETTA, E' LUI CHE NON SI FIDA, NON STO FACENDO MAFRINE PER TOGLIERGLI IL POSTO -- ( RENZI )
  • NOI NON COMBATTIAMO PER QUELLI CHE VIVONO OGGI, MA PER COLORO CHE VERRANNO ---- ( ROBESPIERRE )
  • PIU' CHE LA FINE DELLA GUERRA, VOGLIAMO LA FINE DEI PRINCIPI DI TUTTE LE GUERRE ---- ( FRANKLIN ROOSVELT )
  • SOLO COLUI CHE NON AGISCE NON COMMETTE ERRORI ---- ( THEODORE ROOSVELT )
  • NESSUNO PUO' GOVERNARE SENZA COLPE ---- ( ANTOINE DE SAINT-JUST )
  • I VERI EUROPEISTI SONO QUELLI CHE RICONOSCONO CHE L'UE DI BANCHIERI, MULTINAZINALI E E BUROCRATI E' LA NEGAZIONE DEI SUOI VALORI ORIGINALI ---- ( SALVINI )
  • IO SONO UN DIPENDENTE DEL SERVIZIO PUBBLICO, NON SONO UN SUO DIPENDENTE! ---- ( MICHELE SANTORO )
  • GLI ITALIANI GUADAGNANO NETTO, MA VIVONO LORDO ---- ( GIUSEPPE SARAGAT )
  • LA VERITA' E' CHE SE L'UE CONTINUA CON QUESTE POLITICUCCE, NEL 2050 FORSE CI SARA' LA NATO MA NON L'EUROPA ---- ( HELMUT SCHMIDT )
  • FONDAMENTO DI OGNI SOCIETA' E' LA GIUSTIZIA ---- ( ANTONIO SEGNI )
  • DI PIETRO E' IL PADRE DI BERLUSCONI, LO HA GENERATO UCCIDENDO UNA PARTE DELLA PRIMA REPUBBLICA ---- ( VITTORIO SGARBI )
  • PENSO, COMPAGNI, CHE L'AUTOCRITICA CI E' NECESSARIA COME L'ARIA E COME L'ACQUA ---- ( STALIN )
  • TUTTA L'ARTE DELLA GUERRA SI BASA SULL'INGANNO ---- ( SUN TZU )
  • LA VERITA' SI RAFFORZA CON LA LUCE E CON IL TEMPO, LA MENZOGNA INVECE CON LA FRETTA ED IL MISTERO ---- ( TACITO )
  • CIO' CHE IL VOLGO CHIAMA TEMPO PERSO E' SPESSO TEMPO GUADAGNATO ---- ( ALEXIS DE TOCQUEVILLE )
  • SE TUTTO DEVE RIMANERE COM'E, E' NECESSARIO CHE TUTTO CAMBI ---- ( GIUSEPPE TOMASI DI LAMPEDUSA )
  • A PROPOSITO DI POLITICA... CI SAREBE QUALCOSA DA MANGIARE? ---- ( TOTO')
  • E' FALLITA L'IDEA CHE UN PAESE SI GOVERNA COME UN'AZIENDA ---- ( GIULIO TREMONTI )
  • LE CATASTROFI POLITICHE NON VENGONO SE NON IN QUALCHE MODO CONSENTITE O VOLUTE ---- ( FILIPPO TURATI )
  • CI SONO DUE CASI IN CUI NON SI DEVE SPECULARE IN BORSA: QUANDO NON SI HA I SOLDI O QUANDO LI SI HA ---- ( MARK TWAIN )
  • IMPARA AD UBBIDIRE ED IMPARERAI A COMANDARE ---- ( SOLONE )
  • LA GUERRA E' UN ATTO DI FORZA CHE HA LO SCOPO DI COSTRINGERE L'AVVERSARIO A SOTTOMETTERSI ALLA NOSTRA VOLONTA' ---- ( VON CLAUSEWITZ )
  • PREPARARE LA GUERRA E' L'UNICO MODO PER MANTENERE LA PACE ---- ( GEORGE WASHINGTON )
  • QUANDO LA GUERRA SARA' FINITA, LI COSTRINGEREMO A PENSARE COME NOI, ANCHE PERCHE' SARANNO FINANZIARIAMENTE NELLE NOSTRE MANI -- ( WOODROW WILSON )
  • CI SONO DUE MODI DI FARE IL POLITICO: SI PUO' VIVERE "PER" LA POLITICA OPPURE SI PUO' VIVERE "DELLA" POLITICA ---- ( MAX WEBER )
  • VIVIAMO TUTTI SOTTO LO STESSO CIELO, MA NON ABBIAMO LO STESSO ORIZZONTE ---- ( ADENAUER )
  • LA CATTIVERIA DEI BUONI E' PERICOLOSISSIMA ---- ( ANDREOTTI )
  • LA DIGNITA' NON CONSISTE NEL POSSEDERE GLI ONORI, MA NELLA COSCIENZA DI MERITARLI ---- ( ARISTOTELE )
  • IO SONO SEMPRE DALLA PARTE DEGLI USA, PRIMA ANCORA DI SAPERE COME LA PENSANO ---- ( BERLUSCONI )
  • L'INTER E' COME IL COMUNISMO, UNA BELLA IDEA REALIZZATA MALE ---- ( BERTINOTTI )
  • L'ECONOMIA POLITICA E' IL CODICE DELL'USURA ---- ( LOUIS BLANQUI )
  • LO STATO SONO IO ---- ( LUIGI XIV di BORBONE )
  • IL PROBLEMA DELLE LIBERE ELEZIONI E' CHE NON PUOI SAPERE CHI LE VINCERA' ---- ( BREZNEV )
  • VORREI FARE IL FANNULLONE MA NON CI RIESCO ---- ( RENATO BRUNETTA )
  • INNOVARE NON VUOL DIRE RIFORMARE ---- ( EDMUND BURKE )
  • QUESTA RIFORMA E' UNA PUTTANATA, MI FA SCHIFO, MA VOTERO' SI ---- ( MASSIMO CACCIARI )
  • LA LIBERTA' E' COME L'ARIA: CI SI ACCORGE DI QUANTO VALE QUANDO COMINCIA A MANCARE ---- ( PIERO CALAMANDREI )
  • BERLUSCONI TRATTA GLI ALLEATI COME UN PADRONE DEL SETTECENTO TRATTAVA GLI SCHIAVI ---- ( PIER FERDINANDO CASINI )
  • NOI SOCIALISTI ABBIAMO COMMESSO UN ERRORE NEL SOTTOVALUTARE LA FORZA DEL NAZIONALISMO E DELLA RELIGIONE -- ( FIDEL CASTRO )
  • I LADRI DI BENI PRIVATI PASSANO LA VITA IN CARCERE E IN CATENE, QUELLI DI BENI PUBBLICI NELLE RICCHEZZE E NEGLI ONORI -- ( CATONE )
  • LA STORIA SARA' GENTILE CON ME, POICHE' INTENDO SCRIVERLA ---- ( CHURCHILL )
  • SIAMO SCHIAVI DELLA LEGGE PER POTER ESSERE LIBERI ---- ( CICERONE )
  • NON USARE ARCO E FRECCIA PER UCCIDERE UNA ZANZARA ---- ( CONFUCIO )
  • QUESTA E' LA RICETTA DEMOCRATICA: SPEGNERE LA FIAMMA PRIMA CHE DIVAMPI L'INCENDIO ---- ( FRANCESCO COSSIGA
  • DOBBIAMO USARE IL TEMPO COME UNO STRUMENTO, NON COME UNA POLTRONA ---- ( CRAXI )
  • LA CALUNNIA SDEGNA I MEDIOCRI, SI AFFERRA AI GRANDI ---- ( FRANCESCO CRISPI )
  • PER GLI AMERICANI LA PACE E' QUELL'INTERVALLO DI TEMPO CHE SERVE A RICARICARE IL BAZOOKA ---- ( MAURIZIO CROZZA )
  • NIENTE RAFFORZA L'AUTORITA' QUANTO IL SILENZIO ---- ( DE GAULLE )
  • IO DI BERLUSCONI MI FIDO: CREDO PROPRIO CHE SIA SINCERO, QUANDO DICE DI VOLERE FARE LE RIFORME ---- ( D'ALEMA )
  • QUI A SALERNO VOTANO ANCHE LE PIETRE ---- ( VINCENZO DE LUCA )
  • A DUE ANNI PER FARE MANI PULITE E QUATTRO PER DIFENDERMI DALLE CONSEGUENZE ---- ( DI PIETRO )
  • IL POTERE HA UN SOLO DOVERE: ASSICURARE LA SICUREZZA SOCIALE ALLA GENTE ---- ( BENJAMIN DISRAELI )
  • LA POLITICA E' PIU' DIFFICILE DELLA FISICA ---- ( EINSTEIN )
  • E ALLORA, SIAMO PADRONI DI UNA BANCA? ---- ( PIERO FASSINO )
  • IL GENIO SENZA FORMAZIONE E' COME ARGENTO IN MINIERA ---- ( BENJAMIN FRANKLIN )
  • PER NOI DI PIETRO E' UN MITO! ---- ( MAURIZIO GASPARRI )
  • OCCHIO PER OCCHIO E IL MONDO DIVENTA CIECO ---- ( GHANDI )
  • CARLO MARX E' STATO MANDATO IN SOFFITTA ---- ( GIOLITTI )
  • QUAL'E IL MIGLIOR GOVERNO? QUELLO CHE CI INSEGNA A GOVERNARCI DA SOLI ---- ( GOETHE )
  • PER NON CONOSCERE LA STORIA NON SERVE PIU' BRUCIARE I LIBRI, BASTA FAR PASSARE LA VOGLIA DI LEGGERE ---- ( BEPPE GRILLO )
  • MOLTO PIU' DECISIVA E MOLTO PIU' DUREVOLE DI TUTTO L'ORO CHE SI PUO' ACCUMULARE E' LA GRATITUDINE DI UN POPOLO ---- ( CHE GUEVARA )
  • LE DUE VIRTU' CARDINALI IN GUERRA SONO LA FORZA E LA FRODE ---- ( THOMAS HOBBES )
  • LA GUERRA E' UN CASTIGO TANTO PER CHI LA INFLIGGE QUANTO PER COLUI CHE LA PATISCE ---- ( THOMAS JEFFERSON )
  • IO SONO UN IDEALISTA SENZA ILLUSIONI ---- ( JOHN KENNEDY )
  • NON CI PUO' ESSERE UNA CRISI LA SETTIMANA PROSSIMA. LA MIA AGENDA E' GIA' PIENA ---- ( HENRY KISSINGER )
  • LA FIDUCIA E' BENE, IL CONTROLLO E' MEGLIO ---- ( LENIN )
  • UNA VOLTA DECISO CHE UNA COSA PUO' E DEVE ESSERE FATTA, BISOGNA SOLO TROVARE IL MODO ---- ( ABRAHAM LINCOLN )
  • LA FORTUNA AIUTA GLI AUDACI ---- ( TITO LIVIO )
  • UN'IDEA CHE NON TROVA POSTO A SEDERE E' CAPACE DI FARE LA RIVOLUZIONE ---- ( LEO LONGANESI )
  • PUO' LA DISCIPLINA NELLA GUERRA PIU' CHE IL FURORE ---- ( MACHIAVELLI )
  • NEL NOSTRO PAESE PRIMA SI VA IN PRIGIONE E DOPO SI DIVENTA PRESIDENTI ---- ( NELSON MANDELA )
  • NEL GRANDE FIUME DELLA CONOSCENZA UMANA TUTTO E' RELATIVO E NESSUNO PUO AFFERRARE LA VERITA' ASSOLUTA ---- ( MAO TSE TUNG )
  • NULLA AL MONDO E' PIU' PERICOLOSO CHE UN'IGNORANZA SINCERA E UNA STUPIDITA' COSCENZIOSA ---- ( MARTIN LUTHER KING )
  • COLORO CHE LAVORANO, NON GUADAGNANO, E QUELLI CHE GUADAGNANO NON LAVORANO ---- ( KARL MARX )
  • NON SO DOVE CAPITO.PUO' DARSI IN QUARTA FILA. L'IMPORTANTE E' SEDERSI. NON PERDERE MAI LA SEDIA ---- ( MASTELLA )
  • LE LEGGI INUTILI INDEBOLISCONO LE LEGGI NECESSARIE ---- ( MONTESQUIEU )
  • CHE MONOTONIA AVERE UN POSTO FISSO PER TUTTA LA VITA ---- ( MARIO MONTI )
  • L'INGRATITUDINE E' UN MODO COME UN ALTRO PER PAGARE I DEBITI. ED E' IL PREFERITO PERCHE' COSTA MENO ---- ( CESARE MORI )
  • LA VERA LIBERTA' SI VIVE FATICOSAMENTE TRA CONTINUE SFIDE ---- ( ALDO MORO )
  • OGNI RIVOLUZIONARIO A UN CERTO PUNTO DIVENTA CONSERVATORE ---- ( MUSSOLINI )
  • DAL SUBLIME AL RIDICOLO VI E' APPENA UN PASSO ---- ( NAPOLEONE )
  • IN ITALIA QUANDO UNA COSA NON E' PIU' PROIBITA DIVENTA OBBLIGATORIA ---- ( PIETRO NENNI )
  • UNO DEGLI SVANTAGGI DEL NON FARE POLITICA E' CHE SI FINISCE PER ESSERE GOVERNATI DA PROPRI INFERIORI ---- ( PLATONE )
  • LE GUERRE SI FANNO PER CREARE DEBITI. LA GUERRA E' IL SABOTAGGIO MASSIMO, IL SABOTAGGIO PIU' ATROCE ---- ( EZRA POUND )
  • L'EURO SARA' LA NOSTRA RICCHEZZA! ---- ( PRODI )
  • "ANDAVAMO E DICEVAMO: PRESIDENTE, SIAMO NOI DUE, QUANTO CI MOLLA?"-- ( ANTONIO RAZZI )
  • FIGLIOLO, LA SINCERITA' IN POLITICA E' FONDAMENTALE. SE RIESCI A FINGERE DI ESSERE SINCERO C'E' LA FARAI ---- ( RONALD REAGAN )
  • NON SI PORTA LA LIBERTA' SULLA PUNTA DELLE BAIONETTE ---- ( ROBESPIERRE )
  • NON COLPIRE AFFATTO SE CIO' E' DIGNITOSAMENTE EVITABILE; MA SE COLPISCI, COLPISCI SEMPRE DURO ---- ( THEODORE ROOSVELT )
  • PER VINCERE UNA BATTAGLIA, BISOGNA CAPIRE DI ESSERE IN BATTAGLIA ---- ( MATTEO SALVINI )
  • L'IGNORANZA E' UNA COLPA ---- ( VITTORIO SGARBI )
  • COLPISCI UNO PER INSEGNARE A CENTO ---- ( STALIN )
  • CALUNNIATE, CALUNNIATE, QUALCOSA RESTERA' ---- ( VOLTAIRE )
  • LA POLITICA E' LA CULLA DOVE SI SVILUPPA LA GUERRA ---- ( CARL VON CLAUSEWITZ )
  • UN METODO INFALLIBILE PER DOMARE UNA TIGRE E' LASCIARE CHE DIVORI QUALCUNO ---- ( ADENAUER )
  • SE FOSSI NATO IN UN CAMPO PROFUGHI DEL LIBANO, FORSE SAREI DIVENTATO ANCH'IO UN TERRORISTA ---- ( ANDREOTTI )
  • LA GRATITUDINE E' UN SENTIMENTO CHE INVECCHIA PRESTO ---- ( ARISTOTELE )
  • COSA CREDEVA QUELLA PLEBAGLIA EUROPEA, CHE L'EURO FOSSE STATO FATTO PER LA LORO FELICITA'? ---- ( JAQUES ATTALI )
  • I PARTITI DI OGGI SONO MACCHINE DI POTERE E CLIENTELA ---- ( BERLINGUER )
  • ORA BASTA, NON FACCIAMOCI SOPRAFFARE DALLA COMMOZIONE, BUNGA BUNGA PER TUTTI! ---- ( BERLUSCONI )
  • UNO CHE LEGGE MARX DIVENTA LIBERALE SOLO SE RICCO ---- ( BERTINOTTI )
  • IL BELLO DELLA DEMOCRAZIA E' CHE TUTTI POSSONO PARLARE, MA NON OCCORRE ASCOLTARE ---- ( ENZO BIAGI )
  • LA POLITICA NON E' UNA SCIENZA, MA UN ARTE ---- ( BISMARCK )
  • IL SUCCESSO E' IL SOLO INFALLIBILE CRITERIO DI SAGGEZZA PER LE MENTI VOLGARI ---- ( EDMUND BURKE )
  • SE PADRONEGGI L'ARGOMENTO LE PAROLE SEGUIRANNO ---- ( CATONE )
  • IL PREZZO DELLA GRANDEZZA E' LA RESPONSABILITA' ---- ( CHURCHILL )
  • SE VOGLIAMO GODERE DELLA PACE, BISOGNA FARE LA GUERRA ---- ( CICERONE )
  • SE VEDI UN AFFAMATO NON DARGLI DEL RISO: INSEGNALGLI A COLTIVARLO ---- ( CONFUCIO )
  • QUANDO VOGLIO SAPERE COSA PENSA LA FRANCIA, LO CHIEDO A ME STESSO ---- ( DE GAULLE )
  • A DARGLI UN DITO QUELLO TI FREGA UN BRACCIO ---- ( DI PIETRO )
  • IL SUCCESSO E' FIGLIO DELL'AUDACIA ---- ( BENJAMIN DISRAELI )
  • CHI HA PAZIENZA PUO' AVERE CIO' CHE VUOLE ---- ( BENJAMIN FRANKLIN )
  • OGNI NAZIONE E' IL COMPLEMENTO DELL'ALTRA ---- ( GHANDI )
  • LA SINISTRA NON E' CAPACE DI GOVERNARE E NON LASCIA GOVERNARE ---- ( GIOLITTI )
  • UN LEADER E' UN VENDITORE DI SPERANZE ---- ( NAPOLEONE )