E SE GLI USA ATTACCANO LA COREA DEL NORD?

Dopo aver analizzato la storia della penisola coreana (Corea 1, Corea 2, Corea 3, Corea 4), approfondendo lo sviluppo del programma missilistico e del programma nucleare della Corea del Nord, adesso priviamo ad analizzare lo scenario antitetico a quello prospettato nello scorso articolo, ovvero come si svilupperebbe un ipotetico attacco americano sulla Corea del Nord, considerandone conseguenze e possibili sviluppi.

IL DISPOSITIVO MILITARE AMERICANO IN ASIA

Prima di considerare quelli che per il momento restano ipotetici scenari, riteniamo opportuno conoscere, seppur generalmente, la consistenza delle forze americane nella regione asiatica, a cominciare dalla settima flotta USA, la più grande flotta proiettata al di fuori degli Stati Uniti, istituita nel 1943, e divenuta protagonista della Guerra di Corea sotto la guida del famoso generale Douglas McArthur, e più tardi della meno esaltante guerra del Vietnam, tra l’altro, la denominazione di Settima Flotta venne adottata ufficialmente proprio alla vigilia della guerra di Corea del 1950, quando le portaerei americane cominciarono ad operare con i loro primi caccia turbogetto.

La punta di diamante della corposa 7° flotta americana, è costituita dal poderoso “Carrier Strike Group”, a cui è demandata la proiezione del potenziale militare offensivo americano nella regione asiatica, attualmente riconducibile al comando del Vice-Ammiraglio Sawyer, almeno fino all’estate del 2019. La nave ammiraglia della 7° Flotta è la USS Ronald Reagan, una delle super-portaerei a propulsione nucleare con una stazza di oltre 100.000 tonnellate, appartenente alla Classe Nimitz, nota per essere stata la prima nave a prendere il nome di un presidente ancora in vita al momento del suo varo nel 2001. I due reattori nucleari della portaerei Reagan le consentono di operare dovunque nel mondo, senza la necessità di fare tappe per rifornire l’apparato propulsivo da 260.000 CV, autonomia limitata dalla necessità di approvvigionare a cadenza trimestrale i circa 6.000 marinai presenti a bordo, il cui motto è “Pace attraverso la Forza”. Questo formidabile mezzo consente di imbarcare circa 90 aerei, tra elicotteri ed aerei ad ala fissa come i cacciabombardieri F/A-18 Super-Hornet, distribuiti in 5 squadroni, accreditati di un raggio d’azione di circa 720 Km, di cui uno specializzato in guerra elettronica.

USA uss reagan corea del nord us navy
( La portaerei USS Reagan e lo strike group della 7° flotta )

Sempre della 7° Flotta fanno parte 7 cacciatorpedinieri della classe Arleigh Burke, alimentati a gas, ed accreditati di un autonomia di 7.400 Km. Recentemente una di queste navi, la USS McCain, risulta fuori servizio, a causa dei danni riportati dopo la collisione con una nave cargo in prossimità del trafficatissimo Stretto di Malacca. I 7 cacciatorpedinieri americani imbarcano 96 missili ciascuno, dai missili antinave Harpoon ai missili cruise Tomahawk, fino ai missili SM-3 integrati al sofisticato sistema anti-missili balistici AEGIS, sulla cui efficacia rimangono numerosi dubbi, soprattutto sulla supposta capacità di neutralizzare i missili intercontinentali ICBM. A concludere la composizione della 7° Flotta troviamo i 3 incrociatori della Classe Ticonderoga, a cui si aggiungono altre navi di minor stazza, predisposte a funzioni diverse tra loro, sotto il coordinamento del comando imbarcato sulla USS Blue Ridge.

Parallelamente alla 7° Flotta della US Navy, gli Stati Uniti contano su 50.000 militari distribuiti tra le 8 grandi basi militari dislocate in Giappone, a cui si appoggiano sia la Marina che l’Aeronautica militare USA, un po’ avviene anche nella base di Guam, situata in un’isola del pacifico formalmente associata agli Stati Uniti d’America, e pertanto da ritenersi alla stregua di territorio americano. Proprio a Guam sorge una delle poche basi militari predisposta ad accogliere i bombardieri strategici americani, dai giganteschi B-52 ai supersonici B-1B, fino ai B2 Stealth. Al dispositivo militare dislocato tra Guam e il Giappone, vanno aggiunti i circa 23.000 militari americani presenti in Corea del Sud, cifra che, al netto della retorica ostile, è scesa progressivamente negli ultimi anni, parliamo di forze vincolate da un Trattato di mutua difesa che, in caso di aggressione, impone agli Stati Uniti il soccorso degli alleati sudcoreani. Le forze americane presenti in Corea del Sud, tengono regolari esercitazioni militari congiunte con quelle sudcoreane, le stesse esercitazioni contestate dalla Corea del Nord, costretta a controbilanciare la minaccia militare in prossimità dei propri confini, tenendo perennemente mobilitati un alto numero di soldati, sottraendoli all’economia del paese.

L’ESERCITO SUDCOREANO

Oggi, a differenza del passato, le forze armate sudcoreane, sono una delle forze armate più numerose al mondo, con i suoi 600.000 militari attivi, coadiuvati all’occorrenza da oltre 3 milioni di riservisti. Nello specifico, l’esercito sudcoreano vanta 47 divisioni composte da circa 500.000 soldati. Le sue forze corazzate contano più di 2.500 carri armati, dai datati M-48 Patton americani, ai relativamente moderni K-1 autoctoni, fino ad arrivare ai nuovissimi K-2 Panther, a cui si aggiungono altrettanti veicoli blindati adibiti al trasporto della fanteria. Le forze corazzate sudcoreane pur risultando numericamente inferiori a quelle nordcoreane, vantano tuttavia mezzi tecnologicamente più avanzati, come nel caso dei carri armato K1 e K2, e persino i vetusti M-48 godono di aggiornamenti non trascurabili. Infine, l’esercito sudcoreano conta circa 6.000 pezzi di artiglieria di produzione nazionale e americana, sia nelle varianti da 105 mm, che da 155 mm, capaci di colpire obiettivi distanti dagli 11 ai 30 Km, a cui si aggiungono i più di 200 sistemi lanciarazzi multipli, tuttavia, in questo caso l’inferiorità numerica non garantisce sensibili vantaggi rispetto alla poderosissima artiglieria nordcoreana (9.0000 pezzi d’artiglieria), anche se garantisce comunque una maggiore precisione e rapidità d’esercizio.

carri armati k2 panther corea del sud
( Carri armati sudcoreani K2 )

I MISSILI SUDCOREANI

Anche se lontani dal clamore del controverso programma missilistico nordcoreano, anche la Corea del Sud possiede un proprio programma missilistico nazionale, che al netto del suo basso profilo, ha raggiunto risultati degni di nota nell’ambito balistico, sviluppando i missili della serie Hyunmoo, derivati dai missili anti-aerei americani MIM-14 Nike. I primi missili ad essere sviluppati sono stati gli Hyunmoo-1, prodotti sul finire degli anni 80, quando la Corea del Nord iniziò a sviluppare i primi missili Hwasong, derivati dagli Scud sovietici triangolati dall’Egitto, le cui prestazioni non risultarono all’altezza dei razzi nordcoreani accreditati di una gittata massima sicuramente maggiore (600/1000 Km), di quelli sudcoreani accreditato di una gittata di appena 200 Km, anche se sembra che tali prestazioni siano state limitate dai veti americani alla proliferazione missilistica in Corea del Sud. Infatti, al netto della modesta gittata, i missili Hyunmoo-1 vantavano prestazioni tattiche di primo livello, soprattutto per via della tecnologia a propellente solido che ne abbatteva sensibilmente i tempi di operatività, senza contare i sofisticati sistemi aerodinamici che rendevano tali razzi decisamente più precisi delle varie versioni nordcoreane degli scud sovietici, notoriamente imprecisi.

Malgrado le limitazioni imposte dagli americani e dal Tratto MTCR (Missile Technology Control Regime), nei primi anni 2000, i sudcoreani svilupparono ulteriormente la tecnologia missilistica autoctona, producendo il missile Hyunmoo-2, un razzo più volte aggiornato negli ultimi anni, la cui gittata massima dagli iniziali 300 Km fino a 500 Km, range sufficiente a coprire qualsiasi obiettivo situato in Corea del Nord, a fronte di un errore circolare (CEP) di circa 30 mt, prestazioni che rendevano il razzo sudcoreano, ancora più preciso di quelli nordcoreani. Recentemente i sudcoreani, hanno affinato la tecnologia del missile Hyunmoo-2, estendendo la gittata massima a 800 Km, e riducendo il CEP a 1/5 Mt, rendendo questo razzo uno strumento balistico potente, rapido ed estremamente preciso. Per alcuni analisti, la struttura del missile Hyunmoo-2 sembra molto simile a quella del missile russo Iskander, tuttavia se è vero che Corea del Sud e Russia hanno collaborato allo sviluppo di una piattaforma di difesa antiaerea (KM-SAM), i due paesi non hanno collaborato allo sviluppo di missili a corto raggio come questi, per giunta derivati da un razzo americano.

missile corea del sud
( Missile sudcoreano )

Sempre nei primi anni 2000, i sudcoreani hanno iniziato a sviluppare il missile Hyunmoo-3, un razzo guidato simile agli americani Tomahawck, accreditato di una gittata massima di circa 1.500 Km, gittata che oltre a coprire gli obiettivi nordcoreani, ingloberebbe teoricamente anche le capitali di Cina e Giappone. Qualche mese fa, l’amministrazione americana guidata da Donald Trump, ha revocato il limite di 500 Kg alle testate che fino ad oggi vincolava lo sviluppo dei nuovi missili sudcoreani, che senza tale vincolo potranno sviluppare missili capaci di alloggiare una testata esplosiva convenzionale di 1/2.000 Kg, con cui conta di poter distruggere gli obiettivi corazzati dislocati all’interno della Corea del Nord. La Corea del Sud non ha bisogno di sviluppare missili intercontinentali, poiché a differenza della Corea del Nord, si ritrova i suoi potenziali avversari in un raggio relativamente circoscritto.

L’AERONAUTICA MILITARE SUDCOREANA

Al contrario della Corea del Nord, la Corea del Sud gode di una sicura superiorità aerea, garantita da mezzi tecnologicamente più moderni e aggiornati, senza contare le capacità dei piloti sudcoreani, che a differenza dei loro colleghi nordcoreani, vantano un migliore addestramento, garantito da un maggior numero di ore di volo. Nello specifico, l’Aeronautica militare sudcoreana conta circa 70 vecchi cacciabombardieri F-4 e circa 150 F-5, a cui si aggiungono i 170 F-16 affiancati dai 60 moderni F-15, inoltre, la Corea del Sud presto entrerà in possesso di 40 moderni caccia stealth F-35. Questi aerei, oltre ad essere decisamente più moderni ed aggiornati di quelli nordcoreani, possono contare sull’assistenza di 4 aerei AWACS, che consentono il totale controllo delle attività aeree nella penisola coreana, impedendo qualsiasi iniziativa aerea nordcoreana. Parallelamente alla componente aerea, la Corea del Sud, conta anche su di una notevole difesa aerea basata a terra, composta da sistemi missilistici americani Patriot, e dal sistema KM-SAM sviluppato in partnership con l’Almaz-Antey, la stessa ditta che produce il sistema antiaereo russo S-400, con cui condivide molti elementi tecnologici, che gli consentono di ingaggiare obiettivi entro un raggio di 40 Km. Altrettanto importanti risultano i numerosi a cui sistemi di artiglieria contraerea di produzione locale.

f-15
( F-15 )

LA MARINA MILITARE SUDCOREANA

La Marina militare sudcoreana è composta da navi decisamente più moderne di quelle nordcoreane, e conta 9 sommergibili della Classe Bong-Chang prodotti in partnership con la Germania, più altri 7 prodotti interamente da un consorzio Daewoo-Hyundai. Per quanto concerne la componente di superficie, troviamo 2 portaelicotteri Classe Dodko predisposta ad operazioni di sbarco anfibio, di cui una ancora in fase di costruzione, mezzi che andranno ad integrare le altre 15 navi da sbarco pre-esistenti. A queste navi vanno aggiunti 12 cacciatorpedinieri, 12 fregate, 14 corvette e 21 pattugliatori. Il ruolo della marina sudcoreana è fondamentale soprattutto per quel che concerne i mezzi da sbarco, che consentirebbero di prendere Pyongyang, senza dover affrontare le massicce difese nordcoreana dislocate lungo il confine.

I PIANI PER UN’OFFENSIVA SUDCOREANA

Le forze armate nordcoreane, per quanto vetuste, sono talmente numerose da rendere praticamente impossibile qualsiasi attacco alla Corea del Nord, soprattutto a causa dell’immenso dispositivo militare dislocato sul confine all’interno di postazioni d’artiglieria fortificate. Pertanto, l’unica possibilità di superare l’imponente sistema difensivo nordcoreano, resta l’uso unilaterale di armi nucleari tattiche da parte degli Stati Uniti, o in alternativa approntare un improbabile blitz delle forze speciali mirato alla decapitazione della catena di comando nordcoreana, ipotesi difficilmente praticabile, che in caso di fallimento rischia di innescare una prevedibile, quanto devastante, rappresaglia su Seul. Alla luce di queste considerazioni, si riesce a comprendere perché gli USA abbiano preferito non intervenire in Corea del Nord, secondo gli schemi militari predisposti in Afghanistan e in Iraq, che pur rimanendo possibili, imporrebbero tuttavia uno sforza strategico e militare eccezionale, rendendo quantomeno necessario l’incremento esponenziale della loro presenza militare nella regione. Inoltre data la difficoltà nello scardinare la linea demilitarizzata, gli americani potrebbero tentare di aggirarle organizzando uno sbarco sulle coste nordcoreane, facendosi carico del rischio di irritare considerevolmente Cina e Russia, che di certo non accoglierebbero con favore un concentramento di mezzi da sbarco ad una manciata di chilometri dai loro confini.

corea del nord artiglieria
( Potenziale dell’artiglieria nordcoreana )

Ad ogni modo, per quanto gli Stati Uniti possano tentare di eludere lo scontro lungo la linea demilitarizzata, quel frangente rischia di attivarsi ugualmente una volta avviate le prime operazioni in territorio nordcoreano. Infatti, per quanto efficaci possano essere gli eventuali bombardamenti convenzionali americani, i nordcoreani non avrebbero particolari difficoltà a resistere asserragliati nelle loro posizioni fortificate di confine, sfruttando i numerosi tunnel per rifornirsi di munizioni, costringendo gli americani ed i loro alleati sudcoreani ad logorante guerra di posizione, configurabile come una via di mezzo fra la guerra del Vietnam e la prima guerra mondiale, date le scarse possibilità di sfondare la massiccia linea difensiva nordcoreana, che tra l’altro espone i militari sudcoreani ed americani alle probabilissime rappresaglie non convenzionali a base chimica dei nordcoreani, potenzialmente in grado di annichilirne la presenza delle truppe mobilitate nell’area. A ciò va aggiunta la seria possibilità che all’attacco americano possa seguire anche una rappresaglia nucleare contro la Corea del Sud, soprattutto nel caso in cui le difese nordcoreane collassassero repentinamente. Detto questo, anche nel caso in cui la coalizione americana riuscisse a scardinare le difese nordcoreane predisposte lungo la linea demilitarizzata, l’avanzata risulterebbe ancora più complicata, data la difficile conformazione geografica nordcoreana, aggravata ulteriormente dai presidi delle numerosissime milizie popolari presenti dietro le prime linee, addestrate a resistere in condizione di vantaggio tattico.

Ad ogni modo, nel caso gli americani riuscissero a superare il 38° parallelo, si ritroverebbero a fare i conti con la Cina, obbligata ad intervenire a sostegno della Corea del Nord in caso di invasione, in conformità con l’Accordo di mutua difesa pluriennale tutt’oggi vigente tra i due paesi asiatici. Pertanto, qualsiasi tentativo di invasione della Corea del Nord innescherebbe automaticamente un conflitto con la Cina, prospettando una riedizione della Guerra di Corea del 1950, quando i cinesi salvarono i loro alleati nordcoreani, respingendo gli americani al di sotto del 38° parallelo. Oggi, la Cina è una potenza militare consolidata, dotata di un discreto arsenale nucleare, e non più un’armata di contadini male equipaggiata, pertanto, un suo intervento non solo potrebbe impedire il rovesciamento di Pyongyang, ma potrebbe addirittura mettere a serio rischio l’indipendenza della Corea del Sud, aumentando il rischio di un escalation nucleare con gli USA, le cui conseguenze potrebbero essere talmente imprevedibili da indurre gli americani a desistere dal predisporre piani per un invasione della Corea del Nord, simili a quelli predisposti in Iraq e Afghanistan.

L’OPERAZIONE “NASO SANGUINANTE”

Gli Stati Uniti sono consapevoli dei costi e dei rischi derivanti dall’invasione militare della Corea del Nord, cominciando a considerare la possibilità di predisporre una massiccia serie di raid preventivi finalizzati alla distruzione degli obiettivi legati al programma missilistico e nucleare di Pyongyang, parliamo dell’operazione denominata “Bloody Nose”, letteralmente naso sanguinante, un operazione che nei progetti del Pentagono non implicherebbe l’invasione del paese, ma solamente la distruzione degli obiettivi sensibili, seguendo l’esempio del bombardamento israeliano del reattore nucleare iracheno di Osirak. L’operazione “Bloody Nose” si configurerebbe come il tentativo circoscritto e relativamente limitato di eliminare la minaccia nucleare nordcoreana, azzerandone la minaccia mediante una serie di raid mirati, predisposti dalla 7°Flotta USA, a mezzo di sciami di missili guidati Tomahawck, seguiti da una serie di sortite dei bombardieri americani stealth B-2, seguiti a stretto giro da bombardieri supersonici B1 e da quelli pesanti B-52, armati con bombe convenzionali ad altissimo potenziale esplosivo, teoricamente in grado di perforare anche i bunker fortificati nordcoreani, dove si celano le componenti del loro arsenale nucleare.

marina usa missili cruise tomahwack
( Marina USA lancia missili tomahwack )

I raid preventivi americani sembrano un operazione relativamente sostenibile, tuttavia non sussistono garanzie circa la loro reale efficacia, giacché successivamente all’attacco non si potrebbe avere la matematica certezza della completa eliminazione degli asset nucleari nordcoreani, senza contare le conseguenze ambientali derivanti dalla distruzione di un reattore nucleare, i cui effetti negativi rischierebbero di riverberarsi all’interno dei paesi limitrofi come la Cina e la Russia, e paradossalmente anche all’interno della stessa Corea del Sud. A queste eventualità, andrebbe aggiunta la possibilità che la Corea del Nord riesca a conservare alcuni vettori, utilizzandoli per operare una devastante rappresaglia contro obiettivi sudcoreani. Un’altra possibilità, è quella che la Corea del Nord decida di reagire in maniera convenzionale, attivando l’artiglieria per spianare Seul, con il serio rischio di innescare un escalation che potrebbe addirittura indurre i nordcoreani ad invadere la Corea del Sud, disattendendo i piani americani di un intervento breve e circoscritto. Infine, va considerata anche la remota possibilità che qualche missile nordcoreano armato di testata nucleare riesca a sfuggire ai raid americani, raggiungendo qualche città della Corea del Sud o del Giappone, se non addirittura degli stessi Stati Uniti, provocando danni ingentissimi e innumerevoli vittime civili. Ad ogni modo, gli USA ritengono che i missili nordcoreani non costituiscano una minaccia particolarmente urgente, poiché la tecnologia a propellente liquido dei vari missili della serie Hwasong, richiede tempi di preparazione al lancio piuttosto lunghi, che li renderebbero vulnerabili a raid preventivi nel corso delle prolungate fasi preliminari al lancio, inoltre, alcuni analisti sostengono che i missili nordcoreani, per quanto validi, non possiedano testate opportunamente schermate per resistere alle fortissime sollecitazioni della fase di rientro in atmosfera, rendendo dubbia la reale efficacia strategica di questi temibili sistemi d’arma.

corea del nord missile KN-15
( Missile SRBM KN-15 )

CONCLUSIONI

Chiudendo questa considerazione, se l’invasione della Corea del Nord ponderata nel nostro ultimo articolo resta fantapolitica, lo stesso non si può dire dell’opzione di un massiccio raid preventivo americano, che per quanto praticabile, pone importantissime incognite, configurandosi per certi versi come una lotteria nucleare, giacché nel caso qualche missile Hwasong riesca a sfuggire alla distruzione, è altamente probabile che finisca per essere recapitato con a bordo una testata nucleare ad un paese tra Corea del Sud, Giappone e Stati Uniti, configurandosi come una lotteria nucleare, giacché paradossalmente la vittima della rappresaglia nucleare rischia di essere determinata dall’esito del raid, poiché nel caso in cui si salvasse il deposito degli Hwasong-15, la vittima designata sarebbero l’America, se si salvasse un Hwasong-12 la vittima potrebbe essere il Giappone, mentre se non si salvasse nemmeno un missile intercontinentale, resta altissimo il rischio che più di qualche testata nucleare finisca per annichilire gli obiettivi più prossimi della Corea del Sud, giacché i missili a corto raggio nordcoreani non richiedono prolungati tempi di attivazione, essendo in larga parte alimentati a propellente solido, come nel caso dei KN-15 o dei recenti SRBM esibiti a Pyongyang, particolarmente simili ai missili russi Iskander.

In conclusione, un escalation in Corea del Nord pone rischi altissimi per tutti gli attori coinvolti, ragion per cui difficilmente si giungerà a questo punto, nonostante la retorica americana farebbe pensare il contrario, d’altronde senza una minaccia nordcoreana gli Stati Uniti avrebbero serie difficoltà a legittimare la loro crescente presenza militare nella regione asiatica, entrando inevitabilmente in contrasto diretto con la Cina e la Russia, rendendo al contempo più difficile dirottare finanziamenti pubblici al famelico comparto militare, alla continua ricerca di una “minaccia contrastabile” da sventare. Pertanto, è molto probabile che la crisi in Corea del Nord rimanga accesa sul piano politico ancora per lungo tempo, anche se verosimilmente i nordcoreani tenteranno di capitalizzare il vantaggio del loro arsenale nucleare chiedendo una normalizzazione delle proprie relazioni internazionali, che invece gli Stati Uniti non intendono proprio assecondare, preferendo conservare l’attuale rapporto antagonistico, perché in politica la presenza di una minaccia torna sempre utile, soprattutto nella regione asiatica. In ogni caso, gli sviluppi della crisi nordcoreana conseguiranno dagli esiti dell’anomalo, quanto improvviso, incontro tra il presidente americano Donald Trump e Kim Jong-Un, due personaggi che perseguono obiettivi diversi, condividendo un approccio politico spiazzante e totalmente imprevedibile.

PER SAPERNE DI PIU’:

CONOSCIAMO LA COREA 1

CONOSCIAMO LA COREA 2

CONOSCIAMO LA COREA 3

CONOSCIAMO LA COREA 4

IL PROGRAMMA NUCLEARE NORDCOREANO

IL PROGRAMMA MISSILISTICO NORDCOREANO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • LA POLITICA E' L'ARTE DEL POSSIBILE, LA SCIENZA DEL RELATIVO ---- ( BISMARCK )
  • PERCHE' IL MALE TRIONFI SERVE SOLO CHE I BUONI RINUNCINO ALL'AZIONE ----- ( EDMUND BURKE )
  • IL PRIMO BENE DI UN POPOLO E' LA SUA DIGNITA' ---- ( CAVOUR )
  • I POLITICI SONO UGUALI DAPPERTUTTO. PROMETTONO DI COSTRUIRE PONTI ANCHE DOVE NON CI SONO FIUMI ----- ( CHRUSCEV )
  • IN TEMPO DI GUERRA LA VERITA' E' COSI' PREZIOSA CHE DEVE SEMPRE ESSERE PROTETTA DA UNA CORTINA DI BUGIE ----- ( CHURCHILL )
  • LA GUERRA E' UNA COSA TROPPO SERIA PER LASCIARLA IN MANO AI MILITARI ----- ( GEORGE CLEMENCEAU )
  • CHI NON HA UNA COMPETENZA NON SI OCCUPI DI GOVERNO ----- ( CONFUCIO )
  • PIU' SONO LE LEGGI PIU' SONO I LADRI ---- ( FRANCESCO COSSIGA )
  • IL POTERE NON SI PRENDE, SI RACCATTA ---- ( CHARLES DE GAULLE )
  • OGNI POPOLO HA IL GOVERNO CHE SI MERITA ---- ( JOSEPH DE MAISTRE )
  • FATTA L'ITALIA, BISOGNA FARE GLI ITALIANI ---- ( MASSIMO D'AZEGLIO )
  • POLITICA VUOL DIRE REALIZZARE ---- ( ALCIDE DE GASPERI )
  • LA SEMPLICITA' E' COMPAGNA DELLA VERITA', COME LA MODESTIA DEL SAPERE ----- ( FRANCESCO DE SANCTIS )
  • UN POLITICO USA I DATI COME UN UBRIACO IL LAMPIONE, NON PER LA LUCE MA PER IL SOSTEGNO ----- ( BENJAMIN DISRAELI )
  • CONOSCERE PER DELIBERARE ----- ( LUIGI EINAUDI )
  • I SAGGI NON HANNO BISOGNO DI SUGGERIMENTI. GLI SCIOCCHI NON NE TENGONO CONTO ----- ( BENJAMIN FRANKLIN )
  • LA POLITICA NON E' L'ARTE DEL POSSIBILE. CONSISTE NELLO SCEGLIERE FRA IL DISASTROSO E LO SGRADEVOLE -- ( JOHN KENNETH GALBRAITHT )
  • LA VERITA' NON DANNEGGIA MAI UNA CAUSA GIUSTA ---- ( GANDHI )
  • LE LEGGI SI APPLICANO AI NEMICI E SI INTERPRETANO AGLI AMICI ---- ( GIOLITTI )
  • LA STORIA INSEGNA MA NON HA SCOLARI ----- ( GRAMSCI )
  • CHI LOTTA PUO' PERDERE MA CHI NON LOTTA HA GIA' PERSO ----- ( CHE GUEVARA )
  • SENZA SPADA I PATTI NON SONO CHE PAROLE ---- ( THOMAS HOBBES )
  • QUANDO IL POPOLO HA PAURA DEL GOVERNO, C'E' TIRANNIA. QUANDO IL GOVERNO HA PAURA DEL POPOLO, C'E' LIBERTA' ---- ( THOMAS JEFFERSON )
  • NON CHIEDETE COSA IL VOSTRO PAESE PUO' FARE PER VOI, CHIEDETE COSA VOI POTETE FARE PER IL VOSTRO PAESE ---- ( JOHN KENNEDY )
  • NON SI FANNO GUERRE PER IL BENEFICIO DELL'UMANITA', MA PER INTERESSE NAZIONALE ---- ( HENRY KISSINGER )
  • PER FARE UNA FRITTATA BISOGNA ROMPERE LE UOVA ---- ( LENIN )
  • LA DEMOCRAZIA E' IL GOVERNO DEL POPOLO, DAL POPOLO, PER IL POPOLO ---- ( ABRAHAM LINCOLN )
  • SI DICE CHE LA VERITA' E' DESTINATA A SOFFRIRE, MA NON SI ESTINGUE MAI ----- ( TITO LIVIO )
  • TUTTE LE RIVOLUZIONI INIZIANO PER STRADA E FINISCONO A TAVOLA ---- ( LEO LONGANESI )
  • IL FINE GIUSTIFICA I MEZZI ----- ( NICCOLO' MACHIAVELLI )
  • UNA CONOSCENZA DIFFUSA SI RENDE IMMORTALE DA SOLA ----- ( JAMES MACKINTOSH )
  • LA POLITICA E' GUERRA SENZA SPARGIMENTO DI SANGUE. LA GUERRA E' POLITICA CON SPARGIMENTO DI SANGUE ---- ( MAO TSE TUNG )
  • NON HO PAURA DELLA CATTIVERIA DEI MALVAGI, MA DEL SILENZIO DEGLI ONESTI ----- ( MARTIN LUTHER KING )
  • I POPOLI IMPARANO PIU' DA UNA SCONFITTA CHE NON I RE DAL TRIONFO ---- ( GIUSEPPE MAZZINI )
  • IL SUFFRAGIO A SORTE E' PROPRIO DELLA DEMOCRAZIA; IL SUFFRAGIO A SCELTA LO E' DI QUELLA DELL'ARISTOCRAZIA ----- ( MONTESQUIEU )
  • L'INAZIONE E' UNO DEI METODI D'AZIONE PIU' PERICOLOSI ---- ( CESARE MORI )
  • PER GLI STOMACI VUOTI NON ESISTONO NE' OBBEDIENZA NE' TIMORE ----- ( NAPOLEONE )
  • UN PURO TROVA SEMPRE QUALCUNO PIU' PURO CHE LO EPURA ----- ( PIETRO NENNI )
  • PER ANNI I POLITICI HANNO PROMESSO LA LUNA, IO SONO IL PRIMO IN GRADO DI DARVELA ---- ( NIXON )
  • I GOVERNI HANNO CONCETTI DELL'ONESTA DIVERSI DA QUELLI CHE VALGONO PER I PRIVATI ---- ( VILFREDO PARETO )
  • UN'ALTRA VITTORIA SIMILE E SAREMO SPACCIATI ----- ( PIRRO )
  • I POLITICANTI SONO I CAMERIERI DEI BANCHIERI ----- ( EZRA POUND )
  • COMUNISTA E' QUALCUNO CHE LEGGE MARX E LENIN. ANTICOMUNISTA E' QUALCUNO CHE LI CAPISCE ---- ( RONALD REAGAN )
  • FAI QUELLO CHE PUOI, CON QUELLO CHE HAI, NEL POSTO IN CUI SEI ---- ( FRANKLIN ROOSVELT )
  • LA SICUREZZA DEL POTERE SI FONDA SULL'INSICUREZZA DEI CITTADINI ----- ( LEONARDO SCIASCIA )
  • L'ARTE DELLA GUERRA CONSISTE NEL SCONFIGGERE IL NEMICO SENZA DOVERLO AFFRONTARE ---- ( SUN TZU )
  • TUTTE LE GUERRE SONO COMBATTUTE PER DENARO ----- ( SOCRATE )
  • IN UNA REPUBBLICA MOLTO CORROTTA, MOLTISSIME SONO LE LEGGI ----- ( TACITO )
  • LA DEMOCRAZIA E' IL POTERE DI UN POPOLO INFORMATO ----- ( ALEXIS DE TOCQUEVILLE )
  • LA NAZIONE E' FATTA META' DI TRADITORI E META' DI PATRIOTI, MA NESSUNO SA DISTINGUERE GLI UNI DAGLI ALTRI ---- ( MARK TWAIN )
  • LA GIUSTIZIA E' COME LA TELA DI UN RAGNO, TRATTIENE GLI INSETTI PIU' PICCOLI, MENTRE I GRANDI TRAFIGGONO LA TELA E RESTANO LIBERI -- ( SOLONE )
  • LA GUERRA E' LA PROSECUZIONE DELLA POLITICA CON ALTRI MEZZI ----- ( CARL VON CLAUSEWITZ )
  • LA POLITICA, NELLA PRATICA, QUALI CHE SIANO LE IDEE CHE PROFESSA, E' SEMPRE L'ORGANIZZAZIONE SISTEMATICA DELL'ODIO ----- ( HENRY ADAMS )
  • IL POTERE LOGORA CHI NON C'E' L'HA ----- ( GIULIO ANDREOTTI )
  • PENSATE DA UOMINI SAGGI, MA PARLATE COME GENTE COMUNE ----- ( ARISTOTELE )
  • LA MAGISTRATURA COLPISCE PUNTUALE, AD OROLOGERIA, VICINO ALLE ELEZIONI ---- ( SILVIO BERLUSCONI )
  • SMACCHIEREMO IL GIAGUARO ----- ( PIER LUIGI BERSANI )
  • UN VERO STATISTA, QUANDO MANCA IL NEMICO, SE LO DEVE INVENTARE ---- ( BISMARCK )
  • PIANTA ALBERI CHE GIOVERANNO IN UN ALTRO TEMPO ----- ( CATONE )
  • LA GRANDE POLITICA E' QUELLA DELLE RISOLUZIONI AUDACI ----- ( CAVOUR )
  • IL SUCCESSO E' L'ABILITA' DI PASSARE DA UN FALLIMENTO ALL'ALTRO SENZA PERDERE IL TUO ENTUSIASMO ----- ( CHURCHILL )
  • SAPERE CIO' CHE E' GIUSTO E NON FARLO E' LA PEGGIORE DELLE VIGLIACCHERIA ---- ( CONFUCIO )
  • DATO CHE UN POLITICO NON CREDE MAI IN CIO' CHE DICE, RESTA SORPRESO QUANDO GLI ALTRI CI CREDONO ----- ( CHARLES DE GAULLE)
  • IN OGNI GENERE ED IN OGNI CASO, IL GOVERNO DEBOLE E' IL PEGGIORE DI TUTTI ----- ( MASSIMO D'AZEGLIO )
  • LA VOLGARITA' OFFENDE CHI LA USA, NON CHI LA SUBISCE ----- ( VINCENZO DE LUCA )
  • SE UNA COSA DIFFICILE TI SEMBRA SEMPLICE, VUOL DIRE CHE NON HAI CAPITO NIENTE ----- ( CIRIACO DE MITA )
  • E' IL BEL PENSARE CHE CONDUCEAL BEN DIRE ----- ( FRANCESCO DE SANCTIS )
  • CHE CI AZZECCA?! ----- ( ANTONIO DI PIETRO )
  • LA FRANCHEZZA E' LA GEMMA PIU' SPLENDENTE DELLA CRITICA ----- (BENJAMIN DISRAELI )
  • DOVE SONO TROPPI A COMANDARE, NASCE LA CONFUSIONE ----- ( LUIGI EINAUDI )
  • NON SO' CON CHE ARMI SARA' COMBATTUTA LA TERZA GUERRA MONDIALE, MA LA QUARTA SARA' COMBATTUTA CON BASTONI E PIETRE -- ( EINSTEIN )
  • L'AGRICOLTURA SEMBRA MOLTO SEMPLICEQUANDO IL TUO ARATRO E' UNA MATITA E SEI LONTANO DA UN CAMPO DI GRANO --( DWIGHT EISENHOWER )
  • MOLTO SPESSO, COL CAMBIARE DEL GOVERNO, PER I POVERI CAMBIA SOLO IL NOME DEL PADRONE ---- ( FEDRO )
  • LE GUERRE NON SI PAGANO IN TEMPO DI GUERRA, IL CONTO VIENE DOPO ---- ( BENJAMIN FRANKLIN )
  • LA GUERRA RIMANE IL PIU' GRANDE FALLIMENTO UMANO ---- ( JOHN KENNETH GALBRIGHT )
  • LA FORZA NON DERIVA DALLA CAPACITA' FISICA, DERIVA DA UNA VOLONTA' INDOMITA ---- ( GHANDI )
  • QUANDO SI VA IN CUCINA, BISOGNA PUR CUCINARE CON GLI INGREDIENTI CHE SI TROVANO ---- ( GIOLITTI )
  • IL REALISMO E' IL TRATTO OBBLIGATORIO DI OGNI POLITICO ---- ( MICHAIL GORBACEV )
  • LA MASSONERIA E' STATO L'UNICO PARTITO REALE ED EFFICENTE CHE LA CLASSE BORGHESE HA AVUTO PER LUNGO TEMPO ---- ( GRAMSCI )
  • I MAFIOSI NON HANNO PAURA DEL CARCERE; I MAFIOSI HANNO PAURA CHE NOI GLI METTIAMO LE MANI NELLE LORO TASCHE ---- ( PIETRO GRASSO )
  • COMBATTERE UNA BATTAGLIA E' BELLO. CHE SI PERDA O CHE SI VINCA RIMANE IL GUSTO DI AVERCI PROVATO ---- ( BEPPE GRILLO )
  • LA RIVOLUZIONE NON E' UNA MELA CHE CADE QUANDO E' MATURA, DEVI FARLA CADERE ---- ( CHE GUEVARA )
  • L'INTERESSE E LA PAURA SONO I PRINCIPI DELLA SOCIETA' ---- ( THOMAS HOBBES )
  • LA PACE E LA TOLLERANZA SONO LE NOSTRE POLITICHE MIGLIORI, VORREI TANTO CHE CI FOSSE CONCESSO PERSEGUIRLE -- ( THOMAS JEFFERSON )
  • UN CRETINO E' UN CRETINO. DUE CRETINI SONO DUE CRETINI. DIECIMILA CRETINI SONO UN PARTITO POLITICO ---- ( KAFKA )
  • L'UMANITA' DEVE PORRE FINE ALLA GUERRA, O LA GUERRA PORRA' FINE ALL'UMANITA' ---- ( JOHN KENNEDY )
  • IL 90% DEI POLITICI ROVINA LA REPUTAZIONE DEL RESTANTE 10% ---- ( HENRY KISSINGER )
  • ECCO, NEL GIORNO DELLA VITTORIA DELL'INTER IO SONO IL MOURINHO DELLA DIFESA ---- ( IGNAZIO LA RUSSA )
  • LA LIBERTA' E' PREZIOSA, COSI' PREZIOSA CHE DOVREBBE ESSERE RAZIONATA ---- ( LENIN )
  • NON STO SCONFIGGENDO I MIE NEMICI RENDENDOLI MIEI AMICI ? ---- ( ABRAHAM LINCOLN )
  • NESSUNA LEALTA' E' DOVUTA AD UN TRADITORE ---- ( TITO LIVIO )
  • CHI ROMPE NON PAGA E SI SIEDE AL GOVERNO ---- ( LEO LONGANESI )
  • GOVERNARE E' FAR CREDERE ---- ( MACHIAVELLI )
  • BISOGNA ASPETTARSI DI TUTTO IN POLITICA, DOVE TUTTO E' PERMESSO, FUORCHE LASCIARSI COGLIERE DI SORPRESA ---- ( CHARLES MAURRAS )
  • LA NOSTRA GLORIA NON STA NEL NON CADERE MAI, MA NEL RISOLLEVARCI OGNI VOLTA CHE CADIAMO ---- ( NELSON MANDELA )
  • LA CRITICA VA FATTA A TEMPO; BISOGNA DISFARSI DEL BRUTTO VIZIO DI CRITICARE DOPO ---- ( MAO TSE TUNG )
  • E' SEMPRE IL MOMENTO GIUSTO PER FARE LA COSA GIUSTA ---- ( MARTIN LUTHER KING )
  • IL POTERE POLITICO E' IL POTERE DI UNA CLASSE, ORGANIZZATO PER OPPRIMERNE UN'ALTRA ---- ( KARL MARX )
  • SE SI VOTA ALMENO NON FINISCO IN GALERA ---- ( CLEMENTE MASTELLA )
  • LA COSCIENZA DELL'UMANITA' E' SUPREMA SU TUTTI I GOVERNI: ESSI DEVONO ESSERNE INTERPRETI, O NON SONO LEGITTIMI ---- ( GIUSEPPE MAZZINI )
  • CON LE ARMI NUCLEARI, NON CI SARA' TEMPO DI IMPARARE. UN SOLO ERRORE BASTA A DISTRUGGERE NAZIONI INTERE ---- ( ROBERT MCNAMARA )
  • UN IMPERO FONDATO DALLE ARMI DEVE REGGERSI CON LE ARMI ---- ( MONTESQUIEU )
  • QUAL'E' LA MANIFESTAZIONE PIU' CONCRETA DEL SUCCESSO DEL'EURO? LA GRECIA ---- ( MARIO MONTI )
  • NON SI DEVE TEMERE LA GUERRA, LA SI DEVE ODIARE ---- ( CESARE MORI )
  • PER FARE LE COSE, OCCORRE TUTTO IL TEMPO CHE OCCORRE ---- ( ALDO MORO )
  • IL FONDAMENTO ESSENZIALE DI UNA SOCIETA' SANA E' L'EQUA SPARTIZIONE DEI BENI ---- ( TOMMASO MORO )
  • LA LEGALITA' E IL DIRITTO SONO LE PIETRE FONDANTI DELLA PACE INTERNAZIONALE E DELLA STABILITA' ---- ( GIORGIO NAPOLITANO )
  • COLORO CHE VOGLIONO INGANNARE I POPOLI E GOVERNARLI AD ESCLUSIVO LORO VANTAGGIO HANNO INTERESSE A MANTENERLI NELL'IGNORANZA -- ( NAPOLEONE )
  • IN POLITICA CI SONO SEMPRE DUE CATEGORIE DI PERSONE: QUELLI CHE LA FANNO E QUELLI CHE NE APPROFITTANO ---- ( PIETRO NENNI )
  • CHIUNQUE PENSI CHE POSSA CANDIDARMI A QUALUNQUE COSA CHE INIZI IN QUALUNQUE ANNO E' FUORI DI MELONE --- ( NIXON )
  • FATE SOLDI, SE POTETE IN MANIERA ONESTA, ALTRIMENTI COMUNQUE ---- ( ORAZIO )
  • IL MODO PIU' RAPIDO PER PORRE FINE AD UNA GUERRA E' PERDERLA ---- ( GEORGE ORWELL )
  • SE ABBIAMO DEGLI ATTACCHI MAFIOSI NEGLI USA, NON ANDIAMO MICA A BOMBARDARE L'ITALIA?! ---- ( RON PAUL )
  • LA POLITICA, NELLA COMUNE ACCEZZIONE DEL TERMINE, NON E' ALTRO CHE CORRUZIONE ---- ( PLATONE )
  • LA POLITICA DOVREBBE ESSERE COME LA NAZIONALE: DOVREBBERO SEMPRE GIOCARE I MIGLIORI. MA NON E' MAI COSI' -- ( MICHEL PLATINI )
  • LA PACE VIENE DALLA COMUNICAZIONE ---- ( EZRA POUND )
  • NESSUN PIANO DI BATTAGLIA SOPRAVVIVE ALL'IMPATTO COL NEMICO ---- ( COLLIN POWELL )
  • CON L'EURO LAVOREREMO UN GIORNO DI MENO, GUADAGNANDO COME SE LAVORASSIMO UN GIORNO IN PIU' ---- ( ROMANO PRODI )
  • NOI PERSEGUITEREMO DAPPERTUTTO I TERRORISTI, E QUANDO LI TROVEREMO, LI BUTTEREMO DRITTI NELLA TAZZA DEL CESSO -- ( PUTIN )
  • SONO STATO VARIE VOLTE IN COREA DEL NORD, PRESIDENTE OBAMA, STIA TRANQUILLO, CHE NON C'E' NIENTE DI BOMBA ATOMICA - ( ANTONIO RAZZI )
  • CUBA E' LA PROSSIMA RAMAZZATA DELLA DEMOCRAZIA. E LASCIATEMI DIRE DIRETTAMENTE A FIDEL CASTRO: TU SEI FINITO! ---- ( RONALD REAGAN )
  • ENRICO STAI SERENO. VAI AVANTI. IO MI FIDO DI LETTA, E' LUI CHE NON SI FIDA, NON STO FACENDO MAFRINE PER TOGLIERGLI IL POSTO -- ( RENZI )
  • NOI NON COMBATTIAMO PER QUELLI CHE VIVONO OGGI, MA PER COLORO CHE VERRANNO ---- ( ROBESPIERRE )
  • PIU' CHE LA FINE DELLA GUERRA, VOGLIAMO LA FINE DEI PRINCIPI DI TUTTE LE GUERRE ---- ( FRANKLIN ROOSVELT )
  • SOLO COLUI CHE NON AGISCE NON COMMETTE ERRORI ---- ( THEODORE ROOSVELT )
  • NESSUNO PUO' GOVERNARE SENZA COLPE ---- ( ANTOINE DE SAINT-JUST )
  • I VERI EUROPEISTI SONO QUELLI CHE RICONOSCONO CHE L'UE DI BANCHIERI, MULTINAZINALI E E BUROCRATI E' LA NEGAZIONE DEI SUOI VALORI ORIGINALI ---- ( SALVINI )
  • IO SONO UN DIPENDENTE DEL SERVIZIO PUBBLICO, NON SONO UN SUO DIPENDENTE! ---- ( MICHELE SANTORO )
  • GLI ITALIANI GUADAGNANO NETTO, MA VIVONO LORDO ---- ( GIUSEPPE SARAGAT )
  • LA VERITA' E' CHE SE L'UE CONTINUA CON QUESTE POLITICUCCE, NEL 2050 FORSE CI SARA' LA NATO MA NON L'EUROPA ---- ( HELMUT SCHMIDT )
  • FONDAMENTO DI OGNI SOCIETA' E' LA GIUSTIZIA ---- ( ANTONIO SEGNI )
  • DI PIETRO E' IL PADRE DI BERLUSCONI, LO HA GENERATO UCCIDENDO UNA PARTE DELLA PRIMA REPUBBLICA ---- ( VITTORIO SGARBI )
  • PENSO, COMPAGNI, CHE L'AUTOCRITICA CI E' NECESSARIA COME L'ARIA E COME L'ACQUA ---- ( STALIN )
  • TUTTA L'ARTE DELLA GUERRA SI BASA SULL'INGANNO ---- ( SUN TZU )
  • LA VERITA' SI RAFFORZA CON LA LUCE E CON IL TEMPO, LA MENZOGNA INVECE CON LA FRETTA ED IL MISTERO ---- ( TACITO )
  • CIO' CHE IL VOLGO CHIAMA TEMPO PERSO E' SPESSO TEMPO GUADAGNATO ---- ( ALEXIS DE TOCQUEVILLE )
  • SE TUTTO DEVE RIMANERE COM'E, E' NECESSARIO CHE TUTTO CAMBI ---- ( GIUSEPPE TOMASI DI LAMPEDUSA )
  • A PROPOSITO DI POLITICA... CI SAREBE QUALCOSA DA MANGIARE? ---- ( TOTO')
  • E' FALLITA L'IDEA CHE UN PAESE SI GOVERNA COME UN'AZIENDA ---- ( GIULIO TREMONTI )
  • LE CATASTROFI POLITICHE NON VENGONO SE NON IN QUALCHE MODO CONSENTITE O VOLUTE ---- ( FILIPPO TURATI )
  • CI SONO DUE CASI IN CUI NON SI DEVE SPECULARE IN BORSA: QUANDO NON SI HA I SOLDI O QUANDO LI SI HA ---- ( MARK TWAIN )
  • IMPARA AD UBBIDIRE ED IMPARERAI A COMANDARE ---- ( SOLONE )
  • LA GUERRA E' UN ATTO DI FORZA CHE HA LO SCOPO DI COSTRINGERE L'AVVERSARIO A SOTTOMETTERSI ALLA NOSTRA VOLONTA' ---- ( VON CLAUSEWITZ )
  • PREPARARE LA GUERRA E' L'UNICO MODO PER MANTENERE LA PACE ---- ( GEORGE WASHINGTON )
  • QUANDO LA GUERRA SARA' FINITA, LI COSTRINGEREMO A PENSARE COME NOI, ANCHE PERCHE' SARANNO FINANZIARIAMENTE NELLE NOSTRE MANI -- ( WOODROW WILSON )
  • CI SONO DUE MODI DI FARE IL POLITICO: SI PUO' VIVERE "PER" LA POLITICA OPPURE SI PUO' VIVERE "DELLA" POLITICA ---- ( MAX WEBER )
  • VIVIAMO TUTTI SOTTO LO STESSO CIELO, MA NON ABBIAMO LO STESSO ORIZZONTE ---- ( ADENAUER )
  • LA CATTIVERIA DEI BUONI E' PERICOLOSISSIMA ---- ( ANDREOTTI )
  • LA DIGNITA' NON CONSISTE NEL POSSEDERE GLI ONORI, MA NELLA COSCIENZA DI MERITARLI ---- ( ARISTOTELE )
  • IO SONO SEMPRE DALLA PARTE DEGLI USA, PRIMA ANCORA DI SAPERE COME LA PENSANO ---- ( BERLUSCONI )
  • L'INTER E' COME IL COMUNISMO, UNA BELLA IDEA REALIZZATA MALE ---- ( BERTINOTTI )
  • L'ECONOMIA POLITICA E' IL CODICE DELL'USURA ---- ( LOUIS BLANQUI )
  • LO STATO SONO IO ---- ( LUIGI XIV di BORBONE )
  • IL PROBLEMA DELLE LIBERE ELEZIONI E' CHE NON PUOI SAPERE CHI LE VINCERA' ---- ( BREZNEV )
  • VORREI FARE IL FANNULLONE MA NON CI RIESCO ---- ( RENATO BRUNETTA )
  • INNOVARE NON VUOL DIRE RIFORMARE ---- ( EDMUND BURKE )
  • QUESTA RIFORMA E' UNA PUTTANATA, MI FA SCHIFO, MA VOTERO' SI ---- ( MASSIMO CACCIARI )
  • LA LIBERTA' E' COME L'ARIA: CI SI ACCORGE DI QUANTO VALE QUANDO COMINCIA A MANCARE ---- ( PIERO CALAMANDREI )
  • BERLUSCONI TRATTA GLI ALLEATI COME UN PADRONE DEL SETTECENTO TRATTAVA GLI SCHIAVI ---- ( PIER FERDINANDO CASINI )
  • NOI SOCIALISTI ABBIAMO COMMESSO UN ERRORE NEL SOTTOVALUTARE LA FORZA DEL NAZIONALISMO E DELLA RELIGIONE -- ( FIDEL CASTRO )
  • I LADRI DI BENI PRIVATI PASSANO LA VITA IN CARCERE E IN CATENE, QUELLI DI BENI PUBBLICI NELLE RICCHEZZE E NEGLI ONORI -- ( CATONE )
  • LA STORIA SARA' GENTILE CON ME, POICHE' INTENDO SCRIVERLA ---- ( CHURCHILL )
  • SIAMO SCHIAVI DELLA LEGGE PER POTER ESSERE LIBERI ---- ( CICERONE )
  • NON USARE ARCO E FRECCIA PER UCCIDERE UNA ZANZARA ---- ( CONFUCIO )
  • QUESTA E' LA RICETTA DEMOCRATICA: SPEGNERE LA FIAMMA PRIMA CHE DIVAMPI L'INCENDIO ---- ( FRANCESCO COSSIGA
  • DOBBIAMO USARE IL TEMPO COME UNO STRUMENTO, NON COME UNA POLTRONA ---- ( CRAXI )
  • LA CALUNNIA SDEGNA I MEDIOCRI, SI AFFERRA AI GRANDI ---- ( FRANCESCO CRISPI )
  • PER GLI AMERICANI LA PACE E' QUELL'INTERVALLO DI TEMPO CHE SERVE A RICARICARE IL BAZOOKA ---- ( MAURIZIO CROZZA )
  • NIENTE RAFFORZA L'AUTORITA' QUANTO IL SILENZIO ---- ( DE GAULLE )
  • IO DI BERLUSCONI MI FIDO: CREDO PROPRIO CHE SIA SINCERO, QUANDO DICE DI VOLERE FARE LE RIFORME ---- ( D'ALEMA )
  • QUI A SALERNO VOTANO ANCHE LE PIETRE ---- ( VINCENZO DE LUCA )
  • A DUE ANNI PER FARE MANI PULITE E QUATTRO PER DIFENDERMI DALLE CONSEGUENZE ---- ( DI PIETRO )
  • IL POTERE HA UN SOLO DOVERE: ASSICURARE LA SICUREZZA SOCIALE ALLA GENTE ---- ( BENJAMIN DISRAELI )
  • LA POLITICA E' PIU' DIFFICILE DELLA FISICA ---- ( EINSTEIN )
  • E ALLORA, SIAMO PADRONI DI UNA BANCA? ---- ( PIERO FASSINO )
  • IL GENIO SENZA FORMAZIONE E' COME ARGENTO IN MINIERA ---- ( BENJAMIN FRANKLIN )
  • PER NOI DI PIETRO E' UN MITO! ---- ( MAURIZIO GASPARRI )
  • OCCHIO PER OCCHIO E IL MONDO DIVENTA CIECO ---- ( GHANDI )
  • CARLO MARX E' STATO MANDATO IN SOFFITTA ---- ( GIOLITTI )
  • QUAL'E IL MIGLIOR GOVERNO? QUELLO CHE CI INSEGNA A GOVERNARCI DA SOLI ---- ( GOETHE )
  • PER NON CONOSCERE LA STORIA NON SERVE PIU' BRUCIARE I LIBRI, BASTA FAR PASSARE LA VOGLIA DI LEGGERE ---- ( BEPPE GRILLO )
  • MOLTO PIU' DECISIVA E MOLTO PIU' DUREVOLE DI TUTTO L'ORO CHE SI PUO' ACCUMULARE E' LA GRATITUDINE DI UN POPOLO ---- ( CHE GUEVARA )
  • LE DUE VIRTU' CARDINALI IN GUERRA SONO LA FORZA E LA FRODE ---- ( THOMAS HOBBES )
  • LA GUERRA E' UN CASTIGO TANTO PER CHI LA INFLIGGE QUANTO PER COLUI CHE LA PATISCE ---- ( THOMAS JEFFERSON )
  • IO SONO UN IDEALISTA SENZA ILLUSIONI ---- ( JOHN KENNEDY )
  • NON CI PUO' ESSERE UNA CRISI LA SETTIMANA PROSSIMA. LA MIA AGENDA E' GIA' PIENA ---- ( HENRY KISSINGER )
  • LA FIDUCIA E' BENE, IL CONTROLLO E' MEGLIO ---- ( LENIN )
  • UNA VOLTA DECISO CHE UNA COSA PUO' E DEVE ESSERE FATTA, BISOGNA SOLO TROVARE IL MODO ---- ( ABRAHAM LINCOLN )
  • LA FORTUNA AIUTA GLI AUDACI ---- ( TITO LIVIO )
  • UN'IDEA CHE NON TROVA POSTO A SEDERE E' CAPACE DI FARE LA RIVOLUZIONE ---- ( LEO LONGANESI )
  • PUO' LA DISCIPLINA NELLA GUERRA PIU' CHE IL FURORE ---- ( MACHIAVELLI )
  • NEL NOSTRO PAESE PRIMA SI VA IN PRIGIONE E DOPO SI DIVENTA PRESIDENTI ---- ( NELSON MANDELA )
  • NEL GRANDE FIUME DELLA CONOSCENZA UMANA TUTTO E' RELATIVO E NESSUNO PUO AFFERRARE LA VERITA' ASSOLUTA ---- ( MAO TSE TUNG )
  • NULLA AL MONDO E' PIU' PERICOLOSO CHE UN'IGNORANZA SINCERA E UNA STUPIDITA' COSCENZIOSA ---- ( MARTIN LUTHER KING )
  • COLORO CHE LAVORANO, NON GUADAGNANO, E QUELLI CHE GUADAGNANO NON LAVORANO ---- ( KARL MARX )
  • NON SO DOVE CAPITO.PUO' DARSI IN QUARTA FILA. L'IMPORTANTE E' SEDERSI. NON PERDERE MAI LA SEDIA ---- ( MASTELLA )
  • LE LEGGI INUTILI INDEBOLISCONO LE LEGGI NECESSARIE ---- ( MONTESQUIEU )
  • CHE MONOTONIA AVERE UN POSTO FISSO PER TUTTA LA VITA ---- ( MARIO MONTI )
  • L'INGRATITUDINE E' UN MODO COME UN ALTRO PER PAGARE I DEBITI. ED E' IL PREFERITO PERCHE' COSTA MENO ---- ( CESARE MORI )
  • LA VERA LIBERTA' SI VIVE FATICOSAMENTE TRA CONTINUE SFIDE ---- ( ALDO MORO )
  • OGNI RIVOLUZIONARIO A UN CERTO PUNTO DIVENTA CONSERVATORE ---- ( MUSSOLINI )
  • DAL SUBLIME AL RIDICOLO VI E' APPENA UN PASSO ---- ( NAPOLEONE )
  • IN ITALIA QUANDO UNA COSA NON E' PIU' PROIBITA DIVENTA OBBLIGATORIA ---- ( PIETRO NENNI )
  • UNO DEGLI SVANTAGGI DEL NON FARE POLITICA E' CHE SI FINISCE PER ESSERE GOVERNATI DA PROPRI INFERIORI ---- ( PLATONE )
  • LE GUERRE SI FANNO PER CREARE DEBITI. LA GUERRA E' IL SABOTAGGIO MASSIMO, IL SABOTAGGIO PIU' ATROCE ---- ( EZRA POUND )
  • L'EURO SARA' LA NOSTRA RICCHEZZA! ---- ( PRODI )
  • "ANDAVAMO E DICEVAMO: PRESIDENTE, SIAMO NOI DUE, QUANTO CI MOLLA?"-- ( ANTONIO RAZZI )
  • FIGLIOLO, LA SINCERITA' IN POLITICA E' FONDAMENTALE. SE RIESCI A FINGERE DI ESSERE SINCERO C'E' LA FARAI ---- ( RONALD REAGAN )
  • NON SI PORTA LA LIBERTA' SULLA PUNTA DELLE BAIONETTE ---- ( ROBESPIERRE )
  • NON COLPIRE AFFATTO SE CIO' E' DIGNITOSAMENTE EVITABILE; MA SE COLPISCI, COLPISCI SEMPRE DURO ---- ( THEODORE ROOSVELT )
  • PER VINCERE UNA BATTAGLIA, BISOGNA CAPIRE DI ESSERE IN BATTAGLIA ---- ( MATTEO SALVINI )
  • L'IGNORANZA E' UNA COLPA ---- ( VITTORIO SGARBI )
  • COLPISCI UNO PER INSEGNARE A CENTO ---- ( STALIN )
  • CALUNNIATE, CALUNNIATE, QUALCOSA RESTERA' ---- ( VOLTAIRE )
  • LA POLITICA E' LA CULLA DOVE SI SVILUPPA LA GUERRA ---- ( CARL VON CLAUSEWITZ )
  • UN METODO INFALLIBILE PER DOMARE UNA TIGRE E' LASCIARE CHE DIVORI QUALCUNO ---- ( ADENAUER )
  • SE FOSSI NATO IN UN CAMPO PROFUGHI DEL LIBANO, FORSE SAREI DIVENTATO ANCH'IO UN TERRORISTA ---- ( ANDREOTTI )
  • LA GRATITUDINE E' UN SENTIMENTO CHE INVECCHIA PRESTO ---- ( ARISTOTELE )
  • COSA CREDEVA QUELLA PLEBAGLIA EUROPEA, CHE L'EURO FOSSE STATO FATTO PER LA LORO FELICITA'? ---- ( JAQUES ATTALI )
  • I PARTITI DI OGGI SONO MACCHINE DI POTERE E CLIENTELA ---- ( BERLINGUER )
  • ORA BASTA, NON FACCIAMOCI SOPRAFFARE DALLA COMMOZIONE, BUNGA BUNGA PER TUTTI! ---- ( BERLUSCONI )
  • UNO CHE LEGGE MARX DIVENTA LIBERALE SOLO SE RICCO ---- ( BERTINOTTI )
  • IL BELLO DELLA DEMOCRAZIA E' CHE TUTTI POSSONO PARLARE, MA NON OCCORRE ASCOLTARE ---- ( ENZO BIAGI )
  • LA POLITICA NON E' UNA SCIENZA, MA UN ARTE ---- ( BISMARCK )
  • IL SUCCESSO E' IL SOLO INFALLIBILE CRITERIO DI SAGGEZZA PER LE MENTI VOLGARI ---- ( EDMUND BURKE )
  • SE PADRONEGGI L'ARGOMENTO LE PAROLE SEGUIRANNO ---- ( CATONE )
  • IL PREZZO DELLA GRANDEZZA E' LA RESPONSABILITA' ---- ( CHURCHILL )
  • SE VOGLIAMO GODERE DELLA PACE, BISOGNA FARE LA GUERRA ---- ( CICERONE )
  • SE VEDI UN AFFAMATO NON DARGLI DEL RISO: INSEGNALGLI A COLTIVARLO ---- ( CONFUCIO )
  • QUANDO VOGLIO SAPERE COSA PENSA LA FRANCIA, LO CHIEDO A ME STESSO ---- ( DE GAULLE )
  • A DARGLI UN DITO QUELLO TI FREGA UN BRACCIO ---- ( DI PIETRO )
  • IL SUCCESSO E' FIGLIO DELL'AUDACIA ---- ( BENJAMIN DISRAELI )
  • CHI HA PAZIENZA PUO' AVERE CIO' CHE VUOLE ---- ( BENJAMIN FRANKLIN )
  • OGNI NAZIONE E' IL COMPLEMENTO DELL'ALTRA ---- ( GHANDI )
  • LA SINISTRA NON E' CAPACE DI GOVERNARE E NON LASCIA GOVERNARE ---- ( GIOLITTI )
  • UN LEADER E' UN VENDITORE DI SPERANZE ---- ( NAPOLEONE )