CONOSCIAMO LA COLOMBIA (2° Parte)

L’avvicendamento tra Reyes e Gonzalez alla guida del paese durerà appena un anno. Infatti, nel 1910, il Congresso eleggerà il noto giornalista conservatore Carlos Eugenio Restrepo, il primo antioqueño a conquistare la presidenza colombiana. L’amministrazione Restrepo si contraddistinguerà per l’approccio autonomo dai partiti tradizionali e per la risolutezza con cui affosserà ogni iniziativa legislativa considerata perniciosa per gli interessi nazionali. Approccio risoluto con cui varerà importanti riforme come l’abolizione della pena capitale, agevolando gli investimenti sulla sanità, senza tuttavia rinunciare a risanare le finanze pubbliche, sfruttando l’incremento dei prezzi del caffè. Restrepo tenterà anche di ripristinare l’influenza colombiana a Panama, pur evitando di irritare i loro alleati statunitensi, di cui temeva il potenziale militare, soprattutto in un periodo in cui le rivendicazioni territoriali con il vicino Perù rischiavano di innescare un conflitto lungo gli indefiniti confini della nazione. Prospettiva che Restrepo allontanerà, affidando al suo Ministro degli esteri Enrique Olaya il congelamento diplomatico della contesa con il governo peruviano, andando contro l’opinione pubblica e al Congresso, favorevoli ad alla prospettiva di una guerra.

Presidente Colombia Carlos Eugenio Restrepo
( Carlos Eugenio Restrepo )

Conflitto che Restrepo era consapevole di non poter reggere, dopo anni di conflitti interni che erano costati la secessione di Panama, che non mancherà di criticare, accusando gli Stati Uniti di ingerire negli affari interni dei paesi sudamericani, favorendone le divisioni. Retorica che più avanti non gli impedirà di riconoscere ufficialmente l’indipendenza di Panama, firmando un accordo con gli Stati Uniti, da cui riceverà un indennizzo di 25 milioni di dollari, paradossalmente integrato dalle scuse per aver sostenuto la secessione di cui esigevano il riconoscimento. Al termine del suo mandato, Restrepo lascerà nelle mani del suo successore Josè Vicente Concha una Colombia finalmente stabilizzata ed economicamente solida. Il presidente Concha manterrà il paese neutrale durante la prima guerra mondiale, governando con ampi poteri eccezionali autorizzati dal Congresso, evitando di intraprendere iniziative politicamente rischiose, sia all’interno che all’esterno.

LE ORIGINI DEL CONFLITTO COLOMBIANO

Nel 1918, il governo passerà nelle mani di un altro conservatore Marco Fidel Suarez, un politico antioqueño di umili origini, fermamente filo-americano, e protagonista dell’introduzione del sistema fiscale di imposta sul reddito. Esperienza inframezzata dall’amministrazione del navigato generale Jorge Holguin, sostituito l’anno seguente dal conservatore Pedro Nel Ospina, che con il 61% dei consensi riuscirà a battere il candidato che i liberali torneranno a presentare alle elezioni del 1922. A Nel Ospina si deve la fondazione della Banca centrale e la borsa colombiana. Alle elezioni del 1926, il boicottaggio liberale permetterà ai conservatori di eleggere agevolmente Miguel Abadia, l’ultimo presidente dell’era conservatrice che perdurava dall’ascesa di Rafael Nunez del 1886. Sul piano internazionale, Abadia stipulerà una serie di accordi bilaterali che risolveranno molte delle dispute territoriali con i paesi vicini come il Perù e il Brasile.

Sempre durante la sua amministrazione, per contrastare gli effetti di una sopraggiunta crisi economica si indebiterà con gli Stati Uniti, ricavando risorse economiche con cui finanzierà un ambizioso piano infrastrutturale finalizzato al ridimensionamento della crescente disoccupazione. Crisi sociale che sotto l’influenza dei primi movimenti sindacalisti destabilizzerà l’ordine interno, al punto da indurre il governo a varare la legge marziale. Gli investimenti americani si polarizzeranno essenzialmente sul settore agricolo, dove multinazionali come la United Fruit sfrutteranno la manodopera locale, imponendo ritmi di lavoro massacranti che esaspereranno il clima sociale delle aree rurali. Malcontento che scatenerà le prime agitazioni sindacali, a cui il governo reagirà inviando l’esercito, cedendo alle pressioni statunitensi, che arriveranno persino a minacciare di intervenire militarmente per difendere gli interessi della United Fruit. L’intervento disposto dal presidente Abadia culminerà in un vero e proprio massacro che pregiudicherà per molto tempo l’immagine degli Stati Uniti nella regione caraibica.

Presidente Colombia Enrique Olaya
( Enrique Olaya )

La strage di lavoratori susciterà l’ascesa politica di liberali radicali come il giovane Elicer Gaitan, rendendoli popolarissimi tra i ceti operai colombiani. Fermenti sociali che, tra l’altro, catalizzeranno la costituzione del Partito Comunista Colombiano. Questo clima favorirà il Partito Liberale, che nel 1930 riuscirà ad eleggere l’ex-ministro degli esteri Enrique Olaya, favorito dalla divisione del fronte conservatore, rappresentato da ben due candidati. Olaya sarà artefice di una politica sociale e protezionista, che stimolerà la domanda interna, ridimensionando il peso delle importazioni. Politiche che ridimensioneranno l’export di zucchero peruviano, innescando una nuova crisi di confine che nel 1932 degenererà in un vero e proprio conflitto, risolto l’anno successivo dopo l’assassinio del presidente peruviano Sanchez. Evento che indurrà il nuovo governo peruviano a ripristinare l’accordo sui rispettivi confini, precedentemente sottoscritto proprio con l’allora ministro degli esteri Olaya. Accordo ripristinato grazie all’intervento del leader del Partito Liberale, Alfonso Lopez, un influentissimo magnate colombiano, istruitosi nel Regno Unito. Iniziativa diplomatica che lo lancerà verso le elezioni presidenziali del 1934, a cui tuttavia i conservatori non prenderanno parte.

L’amministrazione Lopez sarà caratterizzata delle stesse politiche sociali del suo predecessore. Ciononostante, l’approccio borghese del Partito Liberale scontenterà il popolarissimo Jorge Gaitan, inducendolo a fondare l’Unione Rivoluzionaria di Sinistra Nazionale (UNIR), una formazione socialista decisamente più radicale. Organizzazione che tuttavia non impedirà a Gaitan di continuare a cooperare con i liberali, grazie al cui sostegno, nel 1936, verrà nominato sindaco di Bogotà. Mandato che svolgerà faticosamente a causa dell’opposizione dell’establishment borghese del Partito Liberale. Mentre, intanto, il Partito Conservatore passava sotto la leadership di Laureano Gomez, personalità autoritaria considerata simpatizzante dell’asse nazi-fascista.

LA LOTTA INTERNA AL PARTITO LIBERALE

Nel 1938, le elezioni presidenziali, boicottate dai conservatori, verranno vinte dal liberale moderato Eduardo Santos, l’ex-Ministro degli esteri, noto per l’essere il titolare del quotidiano “El Tiempo”. Durante la sua amministrazione, la Colombia si manterrà neutrale, pur simpatizzando per la causa alleata, che deciderà di sostenere ufficialmente solo verso la fine del suo mandato. Sul piano interno, Santos promuoverà importanti riforme sociali come il riposo lavorativo durante le festività. Iniziative influenzate dalla presenza di Gaitan tra i ranghi governativi, dove agiva da ministro dell’Istruzione. Tra gli ultimi atti di Santos ci sarà la ratifica dell’accordo sui confini con il vicino Venezuela. Al termine del suo mandato, nel 1942, Santos proverà ad ostacolare la rielezione dell’ex-presidente liberale Lopez, che pur condividendo il supporto agli alleati, metterà in dubbio la politica filo-americana impostata dal suo predecessore, rivendicando l’indipendenza colombiana dagli Stati Uniti, destabilizzando il clima politico interno. Lopez, appartenente ad un’importante famiglia colombiana e laureato alla London School of Economics, manterrà un approccio sensibile alle istanze sociali, autorizzando la costituzione dei primi sindacati e l’espropriazione di beni privati per finalità di interesse pubblico, guadagnandosi persino le simpatie dei comunisti. Esperienza che, tuttavia, verrà condizionata da alcune sue vicissitudine personali e dalla crescente opposizione tra i ranghi del Partito Liberale. Tensioni a cui seguirà un tentativo di golpe militare che nel 1944 indurrà Lopez a cedere il potere.

Presidente Colombia Eduardo Santos
( Eduardo Santos )

La fine dell’amministrazione Lopez dividerà il Partito Liberale, polarizzandolo tra la fazione borghese di Santos, rappresentata da Gabriel Turbay, e la fazione radicale di Gaitan. Divisione che favorirà l’elezione del conservatore Mariano Ospina Perez, un esponente dell’oligarchia colombiana, nonché nipote dell’ex-Presidente Mariano Ospina Rodriguez. Elezione contestata sia dal fronte liberale che dai comunisti, convinti che i conservatori avessero manipolato l’esito elettorale. Sospetti che animeranno le manifestazioni che il neo-presidente non esiterà a disperdere con la forza, dando inizio ad una spirale di violenza nel paese, mentre Gaitan assumeva la leadership del Partito Liberale, imponendo la propria agenda radicale al poco entusiasta establishment del partito, legato a doppio filo con quella oligarchia che riteneva necessario ridimensionare. Tuttavia, Gaitan prenderà le distanze dalle mobilitazioni violente organizzate dai comunisti, preferendo arrivare al potere per via democratica. Ad ogni modo, la prepotente ascesa politica di Gaitan verrà interrotta bruscamente dal suo controverso assassinio, sulle cui circostanze non si è riuscito a fare piena luce, dando adito a speculazioni circa presunti complotti di diversa matrice politica. Il suo assassinio, infatti, si consumerà durante la nona conferenza panamericana, con cui Washington intendeva coalizzare i paesi del continente americano contro l’ascesa del movimento comunista. Conferenza a cui era stata contrapposto il congresso dei giovani latinoamericani, organizzato negli stessi giorni da Fidel Castro sempre a Bogotá, dove aveva avuto modo di incontrare Gaitan.

Presidente Colombia Mariano Ospina
( Mariano Ospina )

L’assassinio di Gaitan sconvolgerà il clima politico colombiano, trascinando il paese nel caos, alimentato da bande armate che tenteranno persino di irrompere nel palazzo presidenziale. Assalto a cui, secondo alcune fonti, prenderà parte anche il giovane Fidel Castro. Eventi che precederanno una spirale di violenza che provocherà decine di migliaia di vittime negli anni a seguire, in cui parte del fronte liberale riterrà i conservatori responsabili della fine di Gaitan. I liberali arriveranno al punto di mettere in stato di accusa il Presidente Ospina, che reagirà tempestivamente sciogliendo il Parlamento, salvaguardo così la sua posizione. Nonostante il caos politico, Ospina varerà un importante piano di sviluppo infrastrutturale finalizzato al potenziamento del potenziale industriale del paese.

Colombia Jorge Elicer Gaitan
( Jorge Elicer Gaitan )

L’AUTORITARISMO DI GOMEZ ED IL GOLPE DI ROJAS

Alla vigilia delle elezioni del 1949, i liberali avanzeranno il progetto di un colpo di stato, a cui tuttavia molti decideranno di non partecipare, mentre intanto nelle zone rurali orientali l’opposizione comincerà a militarizzarsi, incontrando persino il velato favore dell’ex-presidente liberale Lopez. Ad ogni modo, i conservatori riusciranno a conservare il potere, eleggendo Laureano Gomez, favorito dalla mancata partecipazione dei liberali, alle cui politiche popolari ricondurrà la deriva caotica che a suo dire rischiava di consegnare il paese nelle mani dei comunisti. Caos a cui Gomez reagirà impostando un forte governo autoritario, e promuovendo un controverso processo di riforma costituzionale, delegato ad un’apposita Assemblea Costituzionale disconosciuta sia dal fronte liberale che dalle fazioni moderate del Partito Conservatore riconducibili alla leadership dell’ex-Presidente Ospina. Assemblea che ingloberà molte delle prerogative parlamentari, come la messa in stato di accusa del presidente.

Presidente Colombia Laureano Gomez
( Laureano Gomez )

Tuttavia, nel 1953, alla vigilia dell’approvazione della riforma costituzionale, Gomez verrà rovesciato da un golpe militare predisposto dal generale Gustavo Rojas Pinilla, sostenuto dalla fazione conservatrice moderata di Ospina e dalla fazione borghese del Partito Liberale, pochi giorni dopo una tentata insurrezione predisposta dalle milizie rurali. Durante la sua dittatura, Rojas concederà il diritto di voto alle donne, avviando un ambizioso piano di sviluppo infrastrutturale, parallelamente all’introduzione di un rigido regime di censura che applicherà agli organi di stampa per stabilizzare il clima politico interno. La deriva autoritaria con cui Rojas ripristinerà l’ordine nel paese, limiterà il diritto dei colombiani a detenere armi da fuoco, perseguendo con particolare risolutezza le bande armate presenti nelle aree rurali del paese, a cui tuttavia avanzerà un’amnistia che tuttavia non convincerà tutti i gruppi guerriglieri, soprattutto dopo l’assassinio di Jacopo Prias, uno dei loro leader, assassinato da un commando sospettato di contiguità governative.

Presidente Colombia Gustavo Rojas Pinilla
( Gustavo Rojas Pinilla )

Clima pesante mal tollerato sia dai ceti popolari che da quelli oligarchici, che dinnanzi alla prospettiva del prolungamento del mandato di Rojas si mobiliteranno per costringerlo a lasciare il potere nelle mani di una giunta militare che avrebbe dovuto traghettare il paese verso un nuovo ordine politico. Ordine politico concordato, che conservatori e liberali promuoveranno attraverso la formula del “Fronte Nazionale”, con cui i due partiti si sarebbero alternati alla guida del paese a cadenza quadriennale, assumendosi l’impegno di condividere il potere con la controparte, spartendosi equamente i seggi in parlamento. Dopo una fase interlocutoria, i due partiti designeranno come nuovo presidente il liberale Alberto Lleras, il fondatore della rivista Semana. Nel 1961, un gruppo di guerriglieri liberali radicali guidati da Pedro Antonio Marin (alias Manuel Marulanda) e l’ideologo comunista Jacopo Arenas, promuoverà la repubblica secessionista di Marquetalia, localizzata a sud est di Bogotà, e che l’amministrazione Lleras faticherà a smantellare, temendone una deriva cubana.

Presidente Colombia Alberto Lleras
Il presidente USA Kennedy e il presidente colombiano Alberto Lleras )

LA RADICALIZZAZIONE DEL MOVIMENTO GUERRIGLIERO

Alle successive elezioni del 1962, il generale Rojas, rientrato dall’esilio nella Repubblica Domenicana, proverà a candidarsi, provando a turbare gli equilibri del Fronte Nazionale, senza tuttavia riuscire ad impedire ai conservatori di eleggere con l’84% dei consensi Guillermo Leon Valencia, “sfidato” dal liberale Alfonso Lopez Michelsen. Durante l’amministrazione Valencia la Colombia valorizzerà le proprie risorse petrolifere, investendo sull’elettrificazione del paese ed incrementando le risorse del sistema di istruzione pubblica. Grazie al supporto finanziario americano, il governo colombiano proverà ad accattivarsi le masse corteggiate dalla retorica comunista, predisponendo un esteso piano di edilizia popolare. Durante la sua amministrazione, l’ex presidente Pinilla abbandonerà il Partito Conservatore per formare la sua Alleanza Popolare Nazionale, una formazione di estrazione social-nazionale con cui intendeva scombinare l’accordo bipartitico tra conservatori e liberali.

Presidente Colombia Guillermo Valencia
Presidente Colombia Guillermo Valencia

Durante gli anni sessanta le industrie americane potenzieranno gli investimenti agricoli nelle aree rurali colombiane, sfruttando oltremodo la mano d’opera locale, le cui pessime condizioni di vita provocheranno ondate migratorie verso le principali città del paese. Condizioni socio-economiche precarie che permetteranno al Partito Comunista di acquisire popolarità tra le masse operaie, attirandosi le ostilità dell’establishment governativo colombiano, intimorito dall’eventualità di una rivoluzione comunista nel paese. Situazione che Valencia, su pressione americana, proverà a disinnescare inviando l’esercito a smantellare la repubblica secessionista di Marquetalia, ottenendo tuttavia solo il trasferimento delle forze guerrigliere verso le impervie zone meridionali, dove si coalizzeranno sotto le insegne delle “Forze Armate Rivoluzionarie di Colombia” (FARC). Dinamiche che catalizzeranno l’attenzione strategica degli Stati Uniti, che convinceranno il governo di Bogotá a favorire la formazione di milizie paramilitari da contrapporre ai guerriglieri comunisti attivi nell’entroterra colombiano. Sempre in questo periodo, verrà fondato l’Esercito Nazionale di liberazione (ELN), un’organizzazione di ispirazione marxista, addestrata dai cubani e compromessa con il movimento teologico della liberazione, tra le cui prime operazioni ci sarà l’assalto alle infrastrutture petrolifere del paese. Insurrezione che vedrà anche la partecipazione dell’Esercito Popolare di Liberazione (EPL), un’altra organizzazione guerrigliera di matrice comunista.

Ad ogni modo, la strategia sociale del governo colombiano verrà continuata durante la successiva amministrazione liberale presieduta da Alberto Lleras (1966), artefice di una riforma agraria con cui tenterà di redistribuire le terre ai contadini e ai disoccupati, attenzionando la questione sociale. Alle successive elezioni del 1970, l’accordo bipartitico riuscirà a resistere alla sfida lanciata dall’ex-presidente Rojas, sconfitto di misura dal conservatore Misael Pastrana, al culmine di una controversa tornata elettorale, contestata da Rojas come falsata da brogli. Proteste che costeranno gli arresti domiciliari all’ex-presidente Rojas, le cui accuse verranno qualche mese dopo dalla Corte Elettorale. Il successo alle elezioni del 19 maggio 1970 verrà favorito dal discreto, ma determinante, supporto fornito dai liberali. Pastrana continuerà a curare la cura della sfera sociale, seppur in misura minore rispetto ai suoi predecessori, distinguendosi per una politica industriale aperta agli investimenti stranieri, come quelli che permetteranno alla francese Renault di presidiare il mercato sudamericano. All’interno del suo governo spiccherà la figura di Luis Carlos Galan, nominato Ministro dell’istruzione.

Presidente Colombia Misael Pastrana
( Misael Pastrana )

LA SFIDA DEL M-19

Successivamente all’elezione di Pastrana, i conservatori riusciranno a cooptare parte dei quadri dell’Allenza Nazional Popolare di Rojas, mentre la fazione socialista continuerà a contestare i brogli che avevano sancito l’ascesa presidenziale di Pastrana. Nello specifico, l’ala socialista dell’Alleanza Nazionale Popolare guidata da personalità come i guerriglieri comunisti espulsi dalle FARC Jaime Bateman e Ivan Marino Ospina; il comunista Alvaro Fayad; Luis Otero, il medico peronista Carlos Toledo; il sindacalista Andres Amarales; Carlos Pizarro; il medico Antonio Navarro; il comunista Pablo Catatumbo; Guillermo Ruiz e Everth Bustamante decideranno di fondare il Movimento 19-Aprile (M-19), rievocando la data delle elezioni falsate dalla coalizione liberal-conservatrice del Fronte Nazionale. L’M-19 intraprenderà una lotta armata contro il governo, considerato illegittimo, organizzando una efficacissima campagna di propaganda clandestina, caratterizzata da iniziative altamente simboliche come il furto della spada di Simon Bolivar, personalità a cui ispiravano la loro lotta antigovernativa. Atto predisposto da Alvaro Fayad. Mesi dopo, avvieranno anche una campagna terroristica che inizierà con il sequestro del sindacalista Josè Mercado, accusato di essere un traditore al soldo degli Stati Uniti. Iniziative che finanzieranno organizzando numerosi sequestri contro personalità facoltose colombiane e straniere.

Nel 1976, si terranno le prime elezioni generali svincolate dall’accordo del Fronte Nazionale, e che vedranno sfidarsi i figli di tre precedenti presidenti colombiani: il liberale Alfonso Lopez, il conservatore Alvaro Gomez e Maria Eugenia Rojas per l’Alleanza Nazionale Popolare. Elezioni vinte da Lopez con il 56% dei consensi. Risultato sostanzialmente replicato anche per le elezioni di Camera e Senato. L’amministrazione Lopez si concentrerà sul risanamento finanziario che ridimensionerà al spesa pubblica del paese, pur conseguendo importanti risultati economici, incrementando la produzione agricola nazionale. Risultati che, tuttavia, non riusciranno ad accontentare le grandi masse popolari, incapaci di sostenersi senza i sussidi che i precedenti governi avevano garantito per tenerli lontani dall’influenza comunista. Scontento che indurrà i principali movimenti sindacali ad organizzare una serie di scioperi a cui il governo reagirà perseguendo i leader che li animavano, limitando le occasioni di assembramento, finendo per ripristinare il clima di scontro degli anni passati.

Presidente Colombia Alfonso Lopez
Presidente Colombia Alfonso Lopez

In questo clima, nel 1978, si sfideranno il conservatore Belisario Betancur ed il liberale Julio Cesar Turbay, figlio di un magnate di origini libanesi, che nonostante un background culturale non all’altezza dei suoi predecessori, riuscirà comunque a battere di misura l’avversario conservatore. L’amministrazione Turbay intensificherà le misure finalizzate a contrastare le mobilitazioni sociali, incrementando i poteri delle forze di sicurezza contro le attività guerrigliere come quelle del M-19, limitando le libertà dei leader sindacali, sia estremisti che moderati. M-19 che poco dopo la sua elezione organizzerà un rocambolesco furto di migliaia di armi dell’esercito, esfiltrate dal deposito in cui erano contenute attraverso un tunnel sotterraneo costruito appositamente due mesi prima. Iniziativa replicata nel 1980 con l’assalto dell’ambasciata della Repubblica domenicana, dove sequestrarono numerosi diplomatici di paesi diversi intervenuti in occasione di una festività nazionale. In quell’occasione il movimento chiederà al governo la liberazione dei propri compagni detenuti ed il pagamento di un riscatto. La crisi dell’ambasciata domenicana si protrarrà per diverse settimane, prima di essere risolta al culmine di un lungo negoziato che accorderà un riscatto ma non la liberazione dei detenuti richiesti.

M19 Bateman Ospina Colombia guerriglia
( I leader del M-19 Bateman e Ospina )

CONCLUSIONI

Durante l’amministrazione del conservatore Restrepo la Colombia sembrerà riacquistare una certa stabilità, oltre che una certa prospettiva di sviluppo, adombrata solamente dalla contesa di confine con il Perù. Contesa che dissuaderà la sua amministrazione dal ridiscutere lo status di Panama, siglando un accordo con cui gli USA indennizzeranno il paese per i territori persi con il processo di secessione che avevano precedentemente sostenuto. La stabilità riconquistata da Restrepo verrà salvaguardata dal suo successore Concha, mantenendo il paese neutrale nel corso della prima guerra mondiale. Periodo di stabilità che comincerà a degradare con il peggioramento della situazione economica globale degli anni venti, a cui l’amministrazione conservatrice presieduta da Nel Ospina cercherà di reagire indebitandosi con gli Stati Uniti, che in cambio acquisiranno i diritti di sfruttamento dei fondi agricoli locali. Le aziende americane si arricchiranno notevolmente grazie allo sfruttamento intensivo della mano d’opera locale, alimentando un senso di ostilità nei confronti degli USA, intercettato dal nascente movimento sindacale. Malumori a cui gli americani reagiranno ottenendo dal governo colombiano la persecuzione degli elementi ribelli, accusati di aizzargli contro le masse operaie, destabilizzando l’ordine del paese.

Questo clima degraderà la popolarità dei conservatori, catalizzando il ritorno al governo dei liberali, con il presidente Olaya, oltre che l’avanzata delle prime formazioni comuniste. Olaya cercherà di accogliere le istanze delle masse operaie, inaugurando un nuovo corso politico più attento alle condizioni sociali dei lavoratori e all’economia interna, ridimensionando le importazioni di beni stranieri. Corso politico che sebbene seguito dai suoi successori Lopez e Santos, verrà contestato sempre meno velatamente dalla componente liberale più vicina agli ideali socialisti animati dall’influentissimo Jorge Gaitan. Dispute politiche aggravate dal dualismo che contrapporrà le fazioni liberali di Lopez e Santos, favorendo l’elezione del candidato conservatore Mariano Ospina, accusato dall’opposizione di aver manipolato i risultati, e che accennerà addirittura un’insurrezione dispersa dal nuovo governo attraverso l’uso delle forze di sicurezza. Approccio che amplificherà la popolarità di Gaitan, che dopo aver conquistato la leadership del Partito Liberale, sembrerà lanciato verso la conquista della presidenza alle successive elezioni, al punto da cercare di imbrigliare gli elementi che spingevano per il rovesciamento del governo. Ascesa politica che verrà bruscamente arrestata dal suo controverso assassinio, avvenuto in circostanze particolari e a dir poco suggestive. Evento che farà sprofondare la Colombia sull’orlo di una nuova guerra civile, a cui i conservatori riusciranno a resistere inaugurando un corso autoritario che verrà interrotto dal golpe militare predisposto dal generale Rojas, mentre nelle aree rurali del paese cominciavano a formarsi i primi gruppi guerriglieri autonomi. Tuttavia, ben presto la deriva autoritaria varata da Rojas per ristabilire l’ordine comincerà ad essere mal tollerata dall’establishment, che lo costringerà a cedere i poteri ad una junta militare incaricata di guidare la transizione politica verso un nuovo ordine politico negoziato da conservatori e liberali, uniti nella formula del Fronte Nazionale, con cui le due formazioni concorderanno le condizioni con cui condivideranno il potere, alternandosi al governo. Proposito concretizzando con l’elezione del presidente liberale Lleras.

guerriglia Colombia FARC Manuel Marulanda Jacobo Arenas
guerriglia Colombia FARC Manuel Marulanda Jacobo Arenas

La formula del Fronte Nazionale verrà tuttavia contestata dalle fazioni liberali più radicali, che addirittura promuoveranno l’istituzione di repubbliche autonome dal governo di Bogotà. Rimostranze condivise anche dall’ex-presidente Rojas, che con la sua formazione politica prossima agli ideali del socialismo nazionale proverà a sabotare il Fronte Nazionale, candidandosi alle elezioni presidenziali del 1962, poi vinte dal conservatore Alfonso Lopez. L’amministrazione Lopez cercherà di ridimensionare l’ascesa delle formazioni comuniste nel paese, investendo molte risorse ottenute dagli Stati Uniti, soprattutto nelle regioni agricole, dove le condizioni di sfruttamento intensivo imposte dalle multinazionali americane indurranno molti contadini a trasferirsi in massa verso le città. Mentre in alcune realtà locali le fazioni liberali più radicali si avvicenderanno alla retorica comunista, inducendo il governo a cedere alle pressioni americane, inviando l’esercito a smantellare le repubbliche autonomiste impostate dai movimenti guerriglieri filo-socialisti come le FARC, l’ELN e l’EPL. Formazioni a cui gli americani e l’oligarchia locale contrapporrà le prime milizie paramilitari anti-sovversive. Questo clima verrà esasperato ulteriormente dal controverso esito delle elezioni presidenziali del 1970, che il conservatore Pastrana riuscirà a vincere, battendo di misura l’ex-presidente Rojas, scatenando una serie di feroci proteste. Proteste che indurranno alcuni sostenitori del generale Rojas ad intraprendere la lotta armata, sotto le insegne del movimento M-19.

  • LA POLITICA E' L'ARTE DEL POSSIBILE, LA SCIENZA DEL RELATIVO ---- ( BISMARCK )
  • PERCHE' IL MALE TRIONFI SERVE SOLO CHE I BUONI RINUNCINO ALL'AZIONE ----- ( EDMUND BURKE )
  • IL PRIMO BENE DI UN POPOLO E' LA SUA DIGNITA' ---- ( CAVOUR )
  • I POLITICI SONO UGUALI DAPPERTUTTO. PROMETTONO DI COSTRUIRE PONTI ANCHE DOVE NON CI SONO FIUMI ----- ( CHRUSCEV )
  • IN TEMPO DI GUERRA LA VERITA' E' COSI' PREZIOSA CHE DEVE SEMPRE ESSERE PROTETTA DA UNA CORTINA DI BUGIE ----- ( CHURCHILL )
  • LA GUERRA E' UNA COSA TROPPO SERIA PER LASCIARLA IN MANO AI MILITARI ----- ( GEORGE CLEMENCEAU )
  • CHI NON HA UNA COMPETENZA NON SI OCCUPI DI GOVERNO ----- ( CONFUCIO )
  • PIU' SONO LE LEGGI PIU' SONO I LADRI ---- ( FRANCESCO COSSIGA )
  • IL POTERE NON SI PRENDE, SI RACCATTA ---- ( CHARLES DE GAULLE )
  • OGNI POPOLO HA IL GOVERNO CHE SI MERITA ---- ( JOSEPH DE MAISTRE )
  • FATTA L'ITALIA, BISOGNA FARE GLI ITALIANI ---- ( MASSIMO D'AZEGLIO )
  • POLITICA VUOL DIRE REALIZZARE ---- ( ALCIDE DE GASPERI )
  • LA SEMPLICITA' E' COMPAGNA DELLA VERITA', COME LA MODESTIA DEL SAPERE ----- ( FRANCESCO DE SANCTIS )
  • UN POLITICO USA I DATI COME UN UBRIACO IL LAMPIONE, NON PER LA LUCE MA PER IL SOSTEGNO ----- ( BENJAMIN DISRAELI )
  • CONOSCERE PER DELIBERARE ----- ( LUIGI EINAUDI )
  • I SAGGI NON HANNO BISOGNO DI SUGGERIMENTI. GLI SCIOCCHI NON NE TENGONO CONTO ----- ( BENJAMIN FRANKLIN )
  • LA POLITICA NON E' L'ARTE DEL POSSIBILE. CONSISTE NELLO SCEGLIERE FRA IL DISASTROSO E LO SGRADEVOLE -- ( JOHN KENNETH GALBRAITHT )
  • LA VERITA' NON DANNEGGIA MAI UNA CAUSA GIUSTA ---- ( GANDHI )
  • LE LEGGI SI APPLICANO AI NEMICI E SI INTERPRETANO AGLI AMICI ---- ( GIOLITTI )
  • LA STORIA INSEGNA MA NON HA SCOLARI ----- ( GRAMSCI )
  • CHI LOTTA PUO' PERDERE MA CHI NON LOTTA HA GIA' PERSO ----- ( CHE GUEVARA )
  • SENZA SPADA I PATTI NON SONO CHE PAROLE ---- ( THOMAS HOBBES )
  • QUANDO IL POPOLO HA PAURA DEL GOVERNO, C'E' TIRANNIA. QUANDO IL GOVERNO HA PAURA DEL POPOLO, C'E' LIBERTA' ---- ( THOMAS JEFFERSON )
  • NON CHIEDETE COSA IL VOSTRO PAESE PUO' FARE PER VOI, CHIEDETE COSA VOI POTETE FARE PER IL VOSTRO PAESE ---- ( JOHN KENNEDY )
  • NON SI FANNO GUERRE PER IL BENEFICIO DELL'UMANITA', MA PER INTERESSE NAZIONALE ---- ( HENRY KISSINGER )
  • PER FARE UNA FRITTATA BISOGNA ROMPERE LE UOVA ---- ( LENIN )
  • LA DEMOCRAZIA E' IL GOVERNO DEL POPOLO, DAL POPOLO, PER IL POPOLO ---- ( ABRAHAM LINCOLN )
  • SI DICE CHE LA VERITA' E' DESTINATA A SOFFRIRE, MA NON SI ESTINGUE MAI ----- ( TITO LIVIO )
  • TUTTE LE RIVOLUZIONI INIZIANO PER STRADA E FINISCONO A TAVOLA ---- ( LEO LONGANESI )
  • IL FINE GIUSTIFICA I MEZZI ----- ( NICCOLO' MACHIAVELLI )
  • UNA CONOSCENZA DIFFUSA SI RENDE IMMORTALE DA SOLA ----- ( JAMES MACKINTOSH )
  • LA POLITICA E' GUERRA SENZA SPARGIMENTO DI SANGUE. LA GUERRA E' POLITICA CON SPARGIMENTO DI SANGUE ---- ( MAO TSE TUNG )
  • NON HO PAURA DELLA CATTIVERIA DEI MALVAGI, MA DEL SILENZIO DEGLI ONESTI ----- ( MARTIN LUTHER KING )
  • I POPOLI IMPARANO PIU' DA UNA SCONFITTA CHE NON I RE DAL TRIONFO ---- ( GIUSEPPE MAZZINI )
  • IL SUFFRAGIO A SORTE E' PROPRIO DELLA DEMOCRAZIA; IL SUFFRAGIO A SCELTA LO E' DI QUELLA DELL'ARISTOCRAZIA ----- ( MONTESQUIEU )
  • L'INAZIONE E' UNO DEI METODI D'AZIONE PIU' PERICOLOSI ---- ( CESARE MORI )
  • PER GLI STOMACI VUOTI NON ESISTONO NE' OBBEDIENZA NE' TIMORE ----- ( NAPOLEONE )
  • UN PURO TROVA SEMPRE QUALCUNO PIU' PURO CHE LO EPURA ----- ( PIETRO NENNI )
  • PER ANNI I POLITICI HANNO PROMESSO LA LUNA, IO SONO IL PRIMO IN GRADO DI DARVELA ---- ( NIXON )
  • I GOVERNI HANNO CONCETTI DELL'ONESTA DIVERSI DA QUELLI CHE VALGONO PER I PRIVATI ---- ( VILFREDO PARETO )
  • UN'ALTRA VITTORIA SIMILE E SAREMO SPACCIATI ----- ( PIRRO )
  • I POLITICANTI SONO I CAMERIERI DEI BANCHIERI ----- ( EZRA POUND )
  • COMUNISTA E' QUALCUNO CHE LEGGE MARX E LENIN. ANTICOMUNISTA E' QUALCUNO CHE LI CAPISCE ---- ( RONALD REAGAN )
  • FAI QUELLO CHE PUOI, CON QUELLO CHE HAI, NEL POSTO IN CUI SEI ---- ( FRANKLIN ROOSVELT )
  • LA SICUREZZA DEL POTERE SI FONDA SULL'INSICUREZZA DEI CITTADINI ----- ( LEONARDO SCIASCIA )
  • L'ARTE DELLA GUERRA CONSISTE NEL SCONFIGGERE IL NEMICO SENZA DOVERLO AFFRONTARE ---- ( SUN TZU )
  • TUTTE LE GUERRE SONO COMBATTUTE PER DENARO ----- ( SOCRATE )
  • IN UNA REPUBBLICA MOLTO CORROTTA, MOLTISSIME SONO LE LEGGI ----- ( TACITO )
  • LA DEMOCRAZIA E' IL POTERE DI UN POPOLO INFORMATO ----- ( ALEXIS DE TOCQUEVILLE )
  • LA NAZIONE E' FATTA META' DI TRADITORI E META' DI PATRIOTI, MA NESSUNO SA DISTINGUERE GLI UNI DAGLI ALTRI ---- ( MARK TWAIN )
  • LA GIUSTIZIA E' COME LA TELA DI UN RAGNO, TRATTIENE GLI INSETTI PIU' PICCOLI, MENTRE I GRANDI TRAFIGGONO LA TELA E RESTANO LIBERI -- ( SOLONE )
  • LA GUERRA E' LA PROSECUZIONE DELLA POLITICA CON ALTRI MEZZI ----- ( CARL VON CLAUSEWITZ )
  • LA POLITICA, NELLA PRATICA, QUALI CHE SIANO LE IDEE CHE PROFESSA, E' SEMPRE L'ORGANIZZAZIONE SISTEMATICA DELL'ODIO ----- ( HENRY ADAMS )
  • IL POTERE LOGORA CHI NON C'E' L'HA ----- ( GIULIO ANDREOTTI )
  • PENSATE DA UOMINI SAGGI, MA PARLATE COME GENTE COMUNE ----- ( ARISTOTELE )
  • LA MAGISTRATURA COLPISCE PUNTUALE, AD OROLOGERIA, VICINO ALLE ELEZIONI ---- ( SILVIO BERLUSCONI )
  • SMACCHIEREMO IL GIAGUARO ----- ( PIER LUIGI BERSANI )
  • UN VERO STATISTA, QUANDO MANCA IL NEMICO, SE LO DEVE INVENTARE ---- ( BISMARCK )
  • PIANTA ALBERI CHE GIOVERANNO IN UN ALTRO TEMPO ----- ( CATONE )
  • LA GRANDE POLITICA E' QUELLA DELLE RISOLUZIONI AUDACI ----- ( CAVOUR )
  • IL SUCCESSO E' L'ABILITA' DI PASSARE DA UN FALLIMENTO ALL'ALTRO SENZA PERDERE IL TUO ENTUSIASMO ----- ( CHURCHILL )
  • SAPERE CIO' CHE E' GIUSTO E NON FARLO E' LA PEGGIORE DELLE VIGLIACCHERIA ---- ( CONFUCIO )
  • DATO CHE UN POLITICO NON CREDE MAI IN CIO' CHE DICE, RESTA SORPRESO QUANDO GLI ALTRI CI CREDONO ----- ( CHARLES DE GAULLE)
  • IN OGNI GENERE ED IN OGNI CASO, IL GOVERNO DEBOLE E' IL PEGGIORE DI TUTTI ----- ( MASSIMO D'AZEGLIO )
  • LA VOLGARITA' OFFENDE CHI LA USA, NON CHI LA SUBISCE ----- ( VINCENZO DE LUCA )
  • SE UNA COSA DIFFICILE TI SEMBRA SEMPLICE, VUOL DIRE CHE NON HAI CAPITO NIENTE ----- ( CIRIACO DE MITA )
  • E' IL BEL PENSARE CHE CONDUCEAL BEN DIRE ----- ( FRANCESCO DE SANCTIS )
  • CHE CI AZZECCA?! ----- ( ANTONIO DI PIETRO )
  • LA FRANCHEZZA E' LA GEMMA PIU' SPLENDENTE DELLA CRITICA ----- (BENJAMIN DISRAELI )
  • DOVE SONO TROPPI A COMANDARE, NASCE LA CONFUSIONE ----- ( LUIGI EINAUDI )
  • NON SO' CON CHE ARMI SARA' COMBATTUTA LA TERZA GUERRA MONDIALE, MA LA QUARTA SARA' COMBATTUTA CON BASTONI E PIETRE -- ( EINSTEIN )
  • L'AGRICOLTURA SEMBRA MOLTO SEMPLICEQUANDO IL TUO ARATRO E' UNA MATITA E SEI LONTANO DA UN CAMPO DI GRANO --( DWIGHT EISENHOWER )
  • MOLTO SPESSO, COL CAMBIARE DEL GOVERNO, PER I POVERI CAMBIA SOLO IL NOME DEL PADRONE ---- ( FEDRO )
  • LE GUERRE NON SI PAGANO IN TEMPO DI GUERRA, IL CONTO VIENE DOPO ---- ( BENJAMIN FRANKLIN )
  • LA GUERRA RIMANE IL PIU' GRANDE FALLIMENTO UMANO ---- ( JOHN KENNETH GALBRIGHT )
  • LA FORZA NON DERIVA DALLA CAPACITA' FISICA, DERIVA DA UNA VOLONTA' INDOMITA ---- ( GHANDI )
  • QUANDO SI VA IN CUCINA, BISOGNA PUR CUCINARE CON GLI INGREDIENTI CHE SI TROVANO ---- ( GIOLITTI )
  • IL REALISMO E' IL TRATTO OBBLIGATORIO DI OGNI POLITICO ---- ( MICHAIL GORBACEV )
  • LA MASSONERIA E' STATO L'UNICO PARTITO REALE ED EFFICENTE CHE LA CLASSE BORGHESE HA AVUTO PER LUNGO TEMPO ---- ( GRAMSCI )
  • I MAFIOSI NON HANNO PAURA DEL CARCERE; I MAFIOSI HANNO PAURA CHE NOI GLI METTIAMO LE MANI NELLE LORO TASCHE ---- ( PIETRO GRASSO )
  • COMBATTERE UNA BATTAGLIA E' BELLO. CHE SI PERDA O CHE SI VINCA RIMANE IL GUSTO DI AVERCI PROVATO ---- ( BEPPE GRILLO )
  • LA RIVOLUZIONE NON E' UNA MELA CHE CADE QUANDO E' MATURA, DEVI FARLA CADERE ---- ( CHE GUEVARA )
  • L'INTERESSE E LA PAURA SONO I PRINCIPI DELLA SOCIETA' ---- ( THOMAS HOBBES )
  • LA PACE E LA TOLLERANZA SONO LE NOSTRE POLITICHE MIGLIORI, VORREI TANTO CHE CI FOSSE CONCESSO PERSEGUIRLE -- ( THOMAS JEFFERSON )
  • UN CRETINO E' UN CRETINO. DUE CRETINI SONO DUE CRETINI. DIECIMILA CRETINI SONO UN PARTITO POLITICO ---- ( KAFKA )
  • L'UMANITA' DEVE PORRE FINE ALLA GUERRA, O LA GUERRA PORRA' FINE ALL'UMANITA' ---- ( JOHN KENNEDY )
  • IL 90% DEI POLITICI ROVINA LA REPUTAZIONE DEL RESTANTE 10% ---- ( HENRY KISSINGER )
  • ECCO, NEL GIORNO DELLA VITTORIA DELL'INTER IO SONO IL MOURINHO DELLA DIFESA ---- ( IGNAZIO LA RUSSA )
  • LA LIBERTA' E' PREZIOSA, COSI' PREZIOSA CHE DOVREBBE ESSERE RAZIONATA ---- ( LENIN )
  • NON STO SCONFIGGENDO I MIE NEMICI RENDENDOLI MIEI AMICI ? ---- ( ABRAHAM LINCOLN )
  • NESSUNA LEALTA' E' DOVUTA AD UN TRADITORE ---- ( TITO LIVIO )
  • CHI ROMPE NON PAGA E SI SIEDE AL GOVERNO ---- ( LEO LONGANESI )
  • GOVERNARE E' FAR CREDERE ---- ( MACHIAVELLI )
  • BISOGNA ASPETTARSI DI TUTTO IN POLITICA, DOVE TUTTO E' PERMESSO, FUORCHE LASCIARSI COGLIERE DI SORPRESA ---- ( CHARLES MAURRAS )
  • LA NOSTRA GLORIA NON STA NEL NON CADERE MAI, MA NEL RISOLLEVARCI OGNI VOLTA CHE CADIAMO ---- ( NELSON MANDELA )
  • LA CRITICA VA FATTA A TEMPO; BISOGNA DISFARSI DEL BRUTTO VIZIO DI CRITICARE DOPO ---- ( MAO TSE TUNG )
  • E' SEMPRE IL MOMENTO GIUSTO PER FARE LA COSA GIUSTA ---- ( MARTIN LUTHER KING )
  • IL POTERE POLITICO E' IL POTERE DI UNA CLASSE, ORGANIZZATO PER OPPRIMERNE UN'ALTRA ---- ( KARL MARX )
  • SE SI VOTA ALMENO NON FINISCO IN GALERA ---- ( CLEMENTE MASTELLA )
  • LA COSCIENZA DELL'UMANITA' E' SUPREMA SU TUTTI I GOVERNI: ESSI DEVONO ESSERNE INTERPRETI, O NON SONO LEGITTIMI ---- ( GIUSEPPE MAZZINI )
  • CON LE ARMI NUCLEARI, NON CI SARA' TEMPO DI IMPARARE. UN SOLO ERRORE BASTA A DISTRUGGERE NAZIONI INTERE ---- ( ROBERT MCNAMARA )
  • UN IMPERO FONDATO DALLE ARMI DEVE REGGERSI CON LE ARMI ---- ( MONTESQUIEU )
  • QUAL'E' LA MANIFESTAZIONE PIU' CONCRETA DEL SUCCESSO DEL'EURO? LA GRECIA ---- ( MARIO MONTI )
  • NON SI DEVE TEMERE LA GUERRA, LA SI DEVE ODIARE ---- ( CESARE MORI )
  • PER FARE LE COSE, OCCORRE TUTTO IL TEMPO CHE OCCORRE ---- ( ALDO MORO )
  • IL FONDAMENTO ESSENZIALE DI UNA SOCIETA' SANA E' L'EQUA SPARTIZIONE DEI BENI ---- ( TOMMASO MORO )
  • LA LEGALITA' E IL DIRITTO SONO LE PIETRE FONDANTI DELLA PACE INTERNAZIONALE E DELLA STABILITA' ---- ( GIORGIO NAPOLITANO )
  • COLORO CHE VOGLIONO INGANNARE I POPOLI E GOVERNARLI AD ESCLUSIVO LORO VANTAGGIO HANNO INTERESSE A MANTENERLI NELL'IGNORANZA -- ( NAPOLEONE )
  • IN POLITICA CI SONO SEMPRE DUE CATEGORIE DI PERSONE: QUELLI CHE LA FANNO E QUELLI CHE NE APPROFITTANO ---- ( PIETRO NENNI )
  • CHIUNQUE PENSI CHE POSSA CANDIDARMI A QUALUNQUE COSA CHE INIZI IN QUALUNQUE ANNO E' FUORI DI MELONE --- ( NIXON )
  • FATE SOLDI, SE POTETE IN MANIERA ONESTA, ALTRIMENTI COMUNQUE ---- ( ORAZIO )
  • IL MODO PIU' RAPIDO PER PORRE FINE AD UNA GUERRA E' PERDERLA ---- ( GEORGE ORWELL )
  • SE ABBIAMO DEGLI ATTACCHI MAFIOSI NEGLI USA, NON ANDIAMO MICA A BOMBARDARE L'ITALIA?! ---- ( RON PAUL )
  • LA POLITICA, NELLA COMUNE ACCEZZIONE DEL TERMINE, NON E' ALTRO CHE CORRUZIONE ---- ( PLATONE )
  • LA POLITICA DOVREBBE ESSERE COME LA NAZIONALE: DOVREBBERO SEMPRE GIOCARE I MIGLIORI. MA NON E' MAI COSI' -- ( MICHEL PLATINI )
  • LA PACE VIENE DALLA COMUNICAZIONE ---- ( EZRA POUND )
  • NESSUN PIANO DI BATTAGLIA SOPRAVVIVE ALL'IMPATTO COL NEMICO ---- ( COLLIN POWELL )
  • CON L'EURO LAVOREREMO UN GIORNO DI MENO, GUADAGNANDO COME SE LAVORASSIMO UN GIORNO IN PIU' ---- ( ROMANO PRODI )
  • NOI PERSEGUITEREMO DAPPERTUTTO I TERRORISTI, E QUANDO LI TROVEREMO, LI BUTTEREMO DRITTI NELLA TAZZA DEL CESSO -- ( PUTIN )
  • SONO STATO VARIE VOLTE IN COREA DEL NORD, PRESIDENTE OBAMA, STIA TRANQUILLO, CHE NON C'E' NIENTE DI BOMBA ATOMICA - ( ANTONIO RAZZI )
  • CUBA E' LA PROSSIMA RAMAZZATA DELLA DEMOCRAZIA. E LASCIATEMI DIRE DIRETTAMENTE A FIDEL CASTRO: TU SEI FINITO! ---- ( RONALD REAGAN )
  • ENRICO STAI SERENO. VAI AVANTI. IO MI FIDO DI LETTA, E' LUI CHE NON SI FIDA, NON STO FACENDO MAFRINE PER TOGLIERGLI IL POSTO -- ( RENZI )
  • NOI NON COMBATTIAMO PER QUELLI CHE VIVONO OGGI, MA PER COLORO CHE VERRANNO ---- ( ROBESPIERRE )
  • PIU' CHE LA FINE DELLA GUERRA, VOGLIAMO LA FINE DEI PRINCIPI DI TUTTE LE GUERRE ---- ( FRANKLIN ROOSVELT )
  • SOLO COLUI CHE NON AGISCE NON COMMETTE ERRORI ---- ( THEODORE ROOSVELT )
  • NESSUNO PUO' GOVERNARE SENZA COLPE ---- ( ANTOINE DE SAINT-JUST )
  • I VERI EUROPEISTI SONO QUELLI CHE RICONOSCONO CHE L'UE DI BANCHIERI, MULTINAZINALI E E BUROCRATI E' LA NEGAZIONE DEI SUOI VALORI ORIGINALI ---- ( SALVINI )
  • IO SONO UN DIPENDENTE DEL SERVIZIO PUBBLICO, NON SONO UN SUO DIPENDENTE! ---- ( MICHELE SANTORO )
  • GLI ITALIANI GUADAGNANO NETTO, MA VIVONO LORDO ---- ( GIUSEPPE SARAGAT )
  • LA VERITA' E' CHE SE L'UE CONTINUA CON QUESTE POLITICUCCE, NEL 2050 FORSE CI SARA' LA NATO MA NON L'EUROPA ---- ( HELMUT SCHMIDT )
  • FONDAMENTO DI OGNI SOCIETA' E' LA GIUSTIZIA ---- ( ANTONIO SEGNI )
  • DI PIETRO E' IL PADRE DI BERLUSCONI, LO HA GENERATO UCCIDENDO UNA PARTE DELLA PRIMA REPUBBLICA ---- ( VITTORIO SGARBI )
  • PENSO, COMPAGNI, CHE L'AUTOCRITICA CI E' NECESSARIA COME L'ARIA E COME L'ACQUA ---- ( STALIN )
  • TUTTA L'ARTE DELLA GUERRA SI BASA SULL'INGANNO ---- ( SUN TZU )
  • LA VERITA' SI RAFFORZA CON LA LUCE E CON IL TEMPO, LA MENZOGNA INVECE CON LA FRETTA ED IL MISTERO ---- ( TACITO )
  • CIO' CHE IL VOLGO CHIAMA TEMPO PERSO E' SPESSO TEMPO GUADAGNATO ---- ( ALEXIS DE TOCQUEVILLE )
  • SE TUTTO DEVE RIMANERE COM'E, E' NECESSARIO CHE TUTTO CAMBI ---- ( GIUSEPPE TOMASI DI LAMPEDUSA )
  • A PROPOSITO DI POLITICA... CI SAREBE QUALCOSA DA MANGIARE? ---- ( TOTO')
  • E' FALLITA L'IDEA CHE UN PAESE SI GOVERNA COME UN'AZIENDA ---- ( GIULIO TREMONTI )
  • LE CATASTROFI POLITICHE NON VENGONO SE NON IN QUALCHE MODO CONSENTITE O VOLUTE ---- ( FILIPPO TURATI )
  • CI SONO DUE CASI IN CUI NON SI DEVE SPECULARE IN BORSA: QUANDO NON SI HA I SOLDI O QUANDO LI SI HA ---- ( MARK TWAIN )
  • IMPARA AD UBBIDIRE ED IMPARERAI A COMANDARE ---- ( SOLONE )
  • LA GUERRA E' UN ATTO DI FORZA CHE HA LO SCOPO DI COSTRINGERE L'AVVERSARIO A SOTTOMETTERSI ALLA NOSTRA VOLONTA' ---- ( VON CLAUSEWITZ )
  • PREPARARE LA GUERRA E' L'UNICO MODO PER MANTENERE LA PACE ---- ( GEORGE WASHINGTON )
  • QUANDO LA GUERRA SARA' FINITA, LI COSTRINGEREMO A PENSARE COME NOI, ANCHE PERCHE' SARANNO FINANZIARIAMENTE NELLE NOSTRE MANI -- ( WOODROW WILSON )
  • CI SONO DUE MODI DI FARE IL POLITICO: SI PUO' VIVERE "PER" LA POLITICA OPPURE SI PUO' VIVERE "DELLA" POLITICA ---- ( MAX WEBER )
  • VIVIAMO TUTTI SOTTO LO STESSO CIELO, MA NON ABBIAMO LO STESSO ORIZZONTE ---- ( ADENAUER )
  • LA CATTIVERIA DEI BUONI E' PERICOLOSISSIMA ---- ( ANDREOTTI )
  • LA DIGNITA' NON CONSISTE NEL POSSEDERE GLI ONORI, MA NELLA COSCIENZA DI MERITARLI ---- ( ARISTOTELE )
  • IO SONO SEMPRE DALLA PARTE DEGLI USA, PRIMA ANCORA DI SAPERE COME LA PENSANO ---- ( BERLUSCONI )
  • L'INTER E' COME IL COMUNISMO, UNA BELLA IDEA REALIZZATA MALE ---- ( BERTINOTTI )
  • L'ECONOMIA POLITICA E' IL CODICE DELL'USURA ---- ( LOUIS BLANQUI )
  • LO STATO SONO IO ---- ( LUIGI XIV di BORBONE )
  • IL PROBLEMA DELLE LIBERE ELEZIONI E' CHE NON PUOI SAPERE CHI LE VINCERA' ---- ( BREZNEV )
  • VORREI FARE IL FANNULLONE MA NON CI RIESCO ---- ( RENATO BRUNETTA )
  • INNOVARE NON VUOL DIRE RIFORMARE ---- ( EDMUND BURKE )
  • QUESTA RIFORMA E' UNA PUTTANATA, MI FA SCHIFO, MA VOTERO' SI ---- ( MASSIMO CACCIARI )
  • LA LIBERTA' E' COME L'ARIA: CI SI ACCORGE DI QUANTO VALE QUANDO COMINCIA A MANCARE ---- ( PIERO CALAMANDREI )
  • BERLUSCONI TRATTA GLI ALLEATI COME UN PADRONE DEL SETTECENTO TRATTAVA GLI SCHIAVI ---- ( PIER FERDINANDO CASINI )
  • NOI SOCIALISTI ABBIAMO COMMESSO UN ERRORE NEL SOTTOVALUTARE LA FORZA DEL NAZIONALISMO E DELLA RELIGIONE -- ( FIDEL CASTRO )
  • I LADRI DI BENI PRIVATI PASSANO LA VITA IN CARCERE E IN CATENE, QUELLI DI BENI PUBBLICI NELLE RICCHEZZE E NEGLI ONORI -- ( CATONE )
  • LA STORIA SARA' GENTILE CON ME, POICHE' INTENDO SCRIVERLA ---- ( CHURCHILL )
  • SIAMO SCHIAVI DELLA LEGGE PER POTER ESSERE LIBERI ---- ( CICERONE )
  • NON USARE ARCO E FRECCIA PER UCCIDERE UNA ZANZARA ---- ( CONFUCIO )
  • QUESTA E' LA RICETTA DEMOCRATICA: SPEGNERE LA FIAMMA PRIMA CHE DIVAMPI L'INCENDIO ---- ( FRANCESCO COSSIGA
  • DOBBIAMO USARE IL TEMPO COME UNO STRUMENTO, NON COME UNA POLTRONA ---- ( CRAXI )
  • LA CALUNNIA SDEGNA I MEDIOCRI, SI AFFERRA AI GRANDI ---- ( FRANCESCO CRISPI )
  • PER GLI AMERICANI LA PACE E' QUELL'INTERVALLO DI TEMPO CHE SERVE A RICARICARE IL BAZOOKA ---- ( MAURIZIO CROZZA )
  • NIENTE RAFFORZA L'AUTORITA' QUANTO IL SILENZIO ---- ( DE GAULLE )
  • IO DI BERLUSCONI MI FIDO: CREDO PROPRIO CHE SIA SINCERO, QUANDO DICE DI VOLERE FARE LE RIFORME ---- ( D'ALEMA )
  • QUI A SALERNO VOTANO ANCHE LE PIETRE ---- ( VINCENZO DE LUCA )
  • A DUE ANNI PER FARE MANI PULITE E QUATTRO PER DIFENDERMI DALLE CONSEGUENZE ---- ( DI PIETRO )
  • IL POTERE HA UN SOLO DOVERE: ASSICURARE LA SICUREZZA SOCIALE ALLA GENTE ---- ( BENJAMIN DISRAELI )
  • LA POLITICA E' PIU' DIFFICILE DELLA FISICA ---- ( EINSTEIN )
  • E ALLORA, SIAMO PADRONI DI UNA BANCA? ---- ( PIERO FASSINO )
  • IL GENIO SENZA FORMAZIONE E' COME ARGENTO IN MINIERA ---- ( BENJAMIN FRANKLIN )
  • PER NOI DI PIETRO E' UN MITO! ---- ( MAURIZIO GASPARRI )
  • OCCHIO PER OCCHIO E IL MONDO DIVENTA CIECO ---- ( GHANDI )
  • CARLO MARX E' STATO MANDATO IN SOFFITTA ---- ( GIOLITTI )
  • QUAL'E IL MIGLIOR GOVERNO? QUELLO CHE CI INSEGNA A GOVERNARCI DA SOLI ---- ( GOETHE )
  • PER NON CONOSCERE LA STORIA NON SERVE PIU' BRUCIARE I LIBRI, BASTA FAR PASSARE LA VOGLIA DI LEGGERE ---- ( BEPPE GRILLO )
  • MOLTO PIU' DECISIVA E MOLTO PIU' DUREVOLE DI TUTTO L'ORO CHE SI PUO' ACCUMULARE E' LA GRATITUDINE DI UN POPOLO ---- ( CHE GUEVARA )
  • LE DUE VIRTU' CARDINALI IN GUERRA SONO LA FORZA E LA FRODE ---- ( THOMAS HOBBES )
  • LA GUERRA E' UN CASTIGO TANTO PER CHI LA INFLIGGE QUANTO PER COLUI CHE LA PATISCE ---- ( THOMAS JEFFERSON )
  • IO SONO UN IDEALISTA SENZA ILLUSIONI ---- ( JOHN KENNEDY )
  • NON CI PUO' ESSERE UNA CRISI LA SETTIMANA PROSSIMA. LA MIA AGENDA E' GIA' PIENA ---- ( HENRY KISSINGER )
  • LA FIDUCIA E' BENE, IL CONTROLLO E' MEGLIO ---- ( LENIN )
  • UNA VOLTA DECISO CHE UNA COSA PUO' E DEVE ESSERE FATTA, BISOGNA SOLO TROVARE IL MODO ---- ( ABRAHAM LINCOLN )
  • LA FORTUNA AIUTA GLI AUDACI ---- ( TITO LIVIO )
  • UN'IDEA CHE NON TROVA POSTO A SEDERE E' CAPACE DI FARE LA RIVOLUZIONE ---- ( LEO LONGANESI )
  • PUO' LA DISCIPLINA NELLA GUERRA PIU' CHE IL FURORE ---- ( MACHIAVELLI )
  • NEL NOSTRO PAESE PRIMA SI VA IN PRIGIONE E DOPO SI DIVENTA PRESIDENTI ---- ( NELSON MANDELA )
  • NEL GRANDE FIUME DELLA CONOSCENZA UMANA TUTTO E' RELATIVO E NESSUNO PUO AFFERRARE LA VERITA' ASSOLUTA ---- ( MAO TSE TUNG )
  • NULLA AL MONDO E' PIU' PERICOLOSO CHE UN'IGNORANZA SINCERA E UNA STUPIDITA' COSCENZIOSA ---- ( MARTIN LUTHER KING )
  • COLORO CHE LAVORANO, NON GUADAGNANO, E QUELLI CHE GUADAGNANO NON LAVORANO ---- ( KARL MARX )
  • NON SO DOVE CAPITO.PUO' DARSI IN QUARTA FILA. L'IMPORTANTE E' SEDERSI. NON PERDERE MAI LA SEDIA ---- ( MASTELLA )
  • LE LEGGI INUTILI INDEBOLISCONO LE LEGGI NECESSARIE ---- ( MONTESQUIEU )
  • CHE MONOTONIA AVERE UN POSTO FISSO PER TUTTA LA VITA ---- ( MARIO MONTI )
  • L'INGRATITUDINE E' UN MODO COME UN ALTRO PER PAGARE I DEBITI. ED E' IL PREFERITO PERCHE' COSTA MENO ---- ( CESARE MORI )
  • LA VERA LIBERTA' SI VIVE FATICOSAMENTE TRA CONTINUE SFIDE ---- ( ALDO MORO )
  • OGNI RIVOLUZIONARIO A UN CERTO PUNTO DIVENTA CONSERVATORE ---- ( MUSSOLINI )
  • DAL SUBLIME AL RIDICOLO VI E' APPENA UN PASSO ---- ( NAPOLEONE )
  • IN ITALIA QUANDO UNA COSA NON E' PIU' PROIBITA DIVENTA OBBLIGATORIA ---- ( PIETRO NENNI )
  • UNO DEGLI SVANTAGGI DEL NON FARE POLITICA E' CHE SI FINISCE PER ESSERE GOVERNATI DA PROPRI INFERIORI ---- ( PLATONE )
  • LE GUERRE SI FANNO PER CREARE DEBITI. LA GUERRA E' IL SABOTAGGIO MASSIMO, IL SABOTAGGIO PIU' ATROCE ---- ( EZRA POUND )
  • L'EURO SARA' LA NOSTRA RICCHEZZA! ---- ( PRODI )
  • "ANDAVAMO E DICEVAMO: PRESIDENTE, SIAMO NOI DUE, QUANTO CI MOLLA?"-- ( ANTONIO RAZZI )
  • FIGLIOLO, LA SINCERITA' IN POLITICA E' FONDAMENTALE. SE RIESCI A FINGERE DI ESSERE SINCERO C'E' LA FARAI ---- ( RONALD REAGAN )
  • NON SI PORTA LA LIBERTA' SULLA PUNTA DELLE BAIONETTE ---- ( ROBESPIERRE )
  • NON COLPIRE AFFATTO SE CIO' E' DIGNITOSAMENTE EVITABILE; MA SE COLPISCI, COLPISCI SEMPRE DURO ---- ( THEODORE ROOSVELT )
  • PER VINCERE UNA BATTAGLIA, BISOGNA CAPIRE DI ESSERE IN BATTAGLIA ---- ( MATTEO SALVINI )
  • L'IGNORANZA E' UNA COLPA ---- ( VITTORIO SGARBI )
  • COLPISCI UNO PER INSEGNARE A CENTO ---- ( STALIN )
  • CALUNNIATE, CALUNNIATE, QUALCOSA RESTERA' ---- ( VOLTAIRE )
  • LA POLITICA E' LA CULLA DOVE SI SVILUPPA LA GUERRA ---- ( CARL VON CLAUSEWITZ )
  • UN METODO INFALLIBILE PER DOMARE UNA TIGRE E' LASCIARE CHE DIVORI QUALCUNO ---- ( ADENAUER )
  • SE FOSSI NATO IN UN CAMPO PROFUGHI DEL LIBANO, FORSE SAREI DIVENTATO ANCH'IO UN TERRORISTA ---- ( ANDREOTTI )
  • LA GRATITUDINE E' UN SENTIMENTO CHE INVECCHIA PRESTO ---- ( ARISTOTELE )
  • COSA CREDEVA QUELLA PLEBAGLIA EUROPEA, CHE L'EURO FOSSE STATO FATTO PER LA LORO FELICITA'? ---- ( JAQUES ATTALI )
  • I PARTITI DI OGGI SONO MACCHINE DI POTERE E CLIENTELA ---- ( BERLINGUER )
  • ORA BASTA, NON FACCIAMOCI SOPRAFFARE DALLA COMMOZIONE, BUNGA BUNGA PER TUTTI! ---- ( BERLUSCONI )
  • UNO CHE LEGGE MARX DIVENTA LIBERALE SOLO SE RICCO ---- ( BERTINOTTI )
  • IL BELLO DELLA DEMOCRAZIA E' CHE TUTTI POSSONO PARLARE, MA NON OCCORRE ASCOLTARE ---- ( ENZO BIAGI )
  • LA POLITICA NON E' UNA SCIENZA, MA UN ARTE ---- ( BISMARCK )
  • IL SUCCESSO E' IL SOLO INFALLIBILE CRITERIO DI SAGGEZZA PER LE MENTI VOLGARI ---- ( EDMUND BURKE )
  • SE PADRONEGGI L'ARGOMENTO LE PAROLE SEGUIRANNO ---- ( CATONE )
  • IL PREZZO DELLA GRANDEZZA E' LA RESPONSABILITA' ---- ( CHURCHILL )
  • SE VOGLIAMO GODERE DELLA PACE, BISOGNA FARE LA GUERRA ---- ( CICERONE )
  • SE VEDI UN AFFAMATO NON DARGLI DEL RISO: INSEGNALGLI A COLTIVARLO ---- ( CONFUCIO )
  • QUANDO VOGLIO SAPERE COSA PENSA LA FRANCIA, LO CHIEDO A ME STESSO ---- ( DE GAULLE )
  • A DARGLI UN DITO QUELLO TI FREGA UN BRACCIO ---- ( DI PIETRO )
  • IL SUCCESSO E' FIGLIO DELL'AUDACIA ---- ( BENJAMIN DISRAELI )
  • CHI HA PAZIENZA PUO' AVERE CIO' CHE VUOLE ---- ( BENJAMIN FRANKLIN )
  • OGNI NAZIONE E' IL COMPLEMENTO DELL'ALTRA ---- ( GHANDI )
  • LA SINISTRA NON E' CAPACE DI GOVERNARE E NON LASCIA GOVERNARE ---- ( GIOLITTI )
  • UN LEADER E' UN VENDITORE DI SPERANZE ---- ( NAPOLEONE )